Archive for aprile 2015

Un mondo impossibile

30 aprile 2015

Vorrei nascere e crescere in un
universo parallelo. Un posto senza rimpianti. Senza aspettative. Senza frustrazioni. Senza incertezze.
Un mondo senza persone che ti superano in coda. Senza idioti che si accalcano al buffet. Senza lacrime. Senza peccati, pentimenti e senza alcun perdono. Una musica di Mozart. Un quadro di Pollock.
Un universo senza scuse. Senza rughe intorno agli occhi. Senza cerchi intorno al cuore. Senza colesterolo. Senza malattie incurabili e piaghe profonde. Senza permessi. Senza zanzare. Senza “mai” è senza “per sempre”. Senza un posto vuoto nel mio letto che mi ricordi di te.
Un mondo impossibile.

Per come realmente è

28 aprile 2015

Non esiste sempre la possibilità di separare le sensazioni positive da quelle negative con un confine netto e definito. Questa è la differenza tra un’avventura e una relazione. L’avventura trasmette una sola sensazione. Una relazione spesso le contiene entrambe.

Un’arena dove i sentimenti forti si affrontano. Si combattono. Si annullano. Un confronto nel quale ogni difetto viene braccato e ribaltato alla luce.

Si tratta in fondo solo di capire come affrontare questa battaglia. Come un personaggio “da film” o come una persona vera?

E con l’aggettivo “vera” intendo una persona capace di mostrare una certa sensibilità interiore. Un raggio di luce. Qualcosa in grado di tagliare quel cono d’ombra dove ognuno di noi lotta con le proprie frustrazioni, come può e come gli riesce.

Non ho un’idea chiara di come dovrebbe andare il mondo, ma continuo a scrivere e descrivere tutto quello che mi orbita intorno. A volte scrivo e ingoio critiche più o meno costruttive.

Ascolto opinioni contrarie alle mie. Lo faccio con attenzione. E cambio spesso il mio punto di vista, perché una storia osservata sempre con la stessa prospettiva difficilmente riserva le stesse scariche di adrenalina di una relazione creativa.

Peggiore di un limite al nostro agire, c’è solo un limite al nostro capire. E forse abbiamo più paura della nostra idea di come potrebbe essere una relazione, che di una relazione per come realmente è.

Non servono a volare

27 aprile 2015

Succede tutte le volte che decido di scrivere qualcosa. Il quarantenne che sono si avvicina al dodicenne che è in me e gli domanda se l’anziano che sarò potrà essere migliore o peggiore di entrambi.

C’è sempre un motivo per chiedere qualcosa e una ragione per non rispondere. Una ragione che oggi però non so trovare più. Scrivere quando non vorresti somiglia a un antico e complicato rito pagano. Bisogna evocarli i pensieri e non basta sacrificare i ricordi. Ci vuole qualcosa di interessante da dire e qualcuno che sia davvero disposto ad ascoltare. Un me stesso autentico. Al pieno di quelle sue capacità di analisi che solitamente sono il punto di forza dei suoi spunti del mattino.

Gli aggettivi da usare stamattina potrebbero essere tanti. Lucido, soddisfatto, autentico, riposato, stupefatto, rilassato, appagato, ironico, silenzioso, compiaciuto, cosciente, gratificato. E via dicendo. A me ne viene in mente uno in particolare: leale.

Sono proprio questi aggettivi, gli scalini che portano al sentimento vero e alle emozioni. Che cosa si potrebbe mai chiedere in fondo, a uno scrittore, che non sia una rilettura della realtà? Io provo a parlare della mia che conosco bene. A scriverla e restituirla viva. Palpitante. Imperfetta.

A volte somiglio a una mosca che cammina sul bordo di un bicchiere. Indeciso se lasciarmi tentare o volare via dalla trappola per finire in una qualche tela di un ragno a caso.

Ogni storia che si rispetti si nutre di errori che la distruggono. Ma ogni storia è un’esperienza. Ogni racconto un percorso. Quello che manca è solo il dettaglio che alla fine porta a un cambiamento. Il punto di vista di chi legge.

Sono un quarantenne per definizione. Incatenato al suo modo di scrivere e descrivere. Al suo incalzante desiderio di celebrare i sentimenti. Quelli veri. E non farà mai differenza sentirmi dentro 12, 30 o 60 anni. Perché i miei pensieri felici non hanno mai un sesso o un’età ben definita. E non servono per imparare a volare. Ma per continuare a camminare sicuro in questo spettacolare viaggio che è la vita.

Avevo in mente di prenderlo amaro

26 aprile 2015

Ci sono giorni in cui percepisco netta una certa distanza tra i miei pensieri e tutto quello che mi circonda. Credo faccia parte della natura sostanzialmente narcisista degli uomini disegnarsi esistenze che poi non somigliano affatto a quelle reali. La morale è che alla fine non si riesce a capire chi stia vivendo la vita di “chi”, e quale sia la vita che si sta vivendo.

Stamattina mi incammino per incontrare il primo caffè del giorno e intanto sento il bisogno di fare ordine dentro. Tanto fuori non sembra assolutamente possibile dare una connotazione al caos. Cerco un ricordo nelle tasche dei jeans ed esce il biglietto di un cinema. Io che mangiavo distrattamente pop corn. La città intanto dormiva fuori e dentro il raccordo.

Tutto questo non ha senso pensavo. A me non sono mai piaciuti i pop corn. Avrei potuto farne sicuramente a meno. Avrei potuto glissare il cinema e scegliere di andare al mare. Amo la sua assodata grandezza. Per me il mare è due cose. L’onda lunga che cercavo di evitare da bambino sulla riva. Schivando e saltellando a caso in punta di piedi. E la voce di mia madre che gridava con la mano tra i denti: “Esci dall’acqua sono 2 ore che sei li dentro”.

Forse è stato quello il momento in cui ho cominciato ad apprezzare la mia libertà. Molte cose le amiamo ancora prima di conoscerle. Non sappiamo cosa sono. Non sappiamo che ci sono. Ma sappiamo che siamo fatti per loro.

Chiudo gli occhi. Ora cammino al buio. La strada è dritta. Mi sfiorano le auto, ma non mi sento in pericolo. Sarà per via delle campane in lontananza che somigliano tanto a quelle del centro di Roma. Ai rumori della chiesa di fronte al mio appartamento borghese occupato da due figure a caso.

Apro gli occhi. Un merlo cerca e trova qualcosa tra le erbacce. Ci sono mattine che la mia mente sembra il deserto del Nevada. Troppo caldo e dannatamente sconfinato per programmarci una passeggiata.

Nella vita tutto passa. Nella testa un po’ meno. Intanto il cielo sembra trattenuto in ostaggio tra gli edifici. Qualcuno sta ascoltando i Cure a tutto volume.
I Cure scatenano vecchi ricordi. Ma non solo. Può essere che il domani un giorno si privi di me, ma non potrà mai privarsi di una musica già ascoltata. Altrimenti non avrebbe nemmeno senso un domani.

Ora ho la testa satura di certi sguardi. Piena di pagine del mio libro. Appagata da musica strana e minacciata da comete in caduta libera.
Squilla il telefono. Massimo mi insulta per gioco: “Pranziamo al mare oggi?”. Lui è uno dei miei migliori amici e la sua non è una domanda sul futuro, ma qualcosa a cui devo rispondere ora. Ha voglia di parlare e io di ascoltare. “Ok! Passo tra un’ora. Magari prima facciamo due passi.”

Intanto ritorno con i ricordi su quella spiaggia. Mia madre morde ancora la sua mano e grida. “Esci di li ti ho detto”. Io invece continuo a tuffarmi testardo senza preoccuparmi delle linee di galleggiamento. Ma poi all’improvviso lei cambia espressione. Allunga la mano. Mostra un piccolo accappatoio bianco. “Non aver paura Gianluca, non ti faccio niente. Vieni da mamma.”

Sorrido. Esco dall’acqua. Ora so che ha fatto qualcosa di meraviglioso per me. Ha trasformato il mare in una cosa più piccola delle mie certezze. Ha stabilito quell’ordine che mi avrebbe poi reso possibile la vita. Si è occupata dei miei passi futuri. Delle mie paure. Del mio coraggio. E di tutto quello che, visto o non visto, avrebbe in qualche modo condizionato da quel giorno la mia vita.

“Mi fa un caffè? Grazie.”

“Vuole zucchero? Dolcificante?”

“Non fa niente. Avevo già in mente di prenderlo amaro.”

Da zero

25 aprile 2015

Ogni scelta che facciamo, anche la più piccola, anche la più insignificante. Che sia giusta o sbagliata, é comunque per sempre. Non si può cancellare. Lascia un segno che seppur impercettibilmente, ci cambia.
Per questo anche quando si pensa di ripartire da zero, non si ricomincia mai davvero da zero.

Prima o poi

24 aprile 2015

Certe notti la mente promette parole che poi non mantiene.
Stasera la luci della città e questa luna poco aggraziata si somigliano al punto da sembrare irriconoscibili.

È vero. Io mi nutro di emozioni, poi le racconto al demone sotto il letto. Ma non mi piacciono le situazioni normali, di quelle so che potrei trovarne ovunque.  

Si possono provare sentimenti forti, ma non due uguali contemporaneamente. Si può amare solo volta per volta. Il piacere invece è un ospite passeggero che lascia sempre spazio alle emozioni più piccole senza tradirne nessuna. E la mia mente ha più posti a sedere di un vagone passeggeri.

Un tempo avevo paura di sbagliare. Oggi invece anche cadere è diventata un’esperienza quasi appagante. E se succede ne approfitto comunque per raccogliere qualcosa.
Una moneta da tirare in aria. Un sasso. Una conchiglia. I frammenti di una storia. La punteggiatura di un discorso.

Le persone sono affezionate agli inestetismi della propria vita.
Tutti si lamentano, ma si guardano bene che poi i problemi vengano davvero risolti.
I dubbi. I drammi. Le insicurezze. Le distrazioni. Le storie.
Perché alla fine non rimarrebbe altro che tempo da riempire. E il tempo per pensare è un peso insostenibile. Un magma spaventoso e inconoscibile nel quale sprofondare.

Stanotte ho paura e non so bene di cosa. Forse proprio del tempo. Ma non di quello che mi viene incontro. No, perché in quello io ci spero. In quello io ho sempre confidato.
Temo il tempo che fugge. Che scivola, che evade, che scompare.

Come la sabbia che filtra tra le dita anche quando ti sforzi di tenere il pugno chiuso.
Qualcosa di molto simile a una spiacevole sensazione di vuoto, quella che mi rimane ogni volta che qualcuno a cui tengo si volta e si allontana.

Temo il tempo che passa. Quello di cui non resta traccia. Per questo in ogni istante soffro e godo di tutto quello che si può soffrire e godere. Per non rimpiangere il passato. Per vivere intensamente il presente e per sperare che ci sia davvero un futuro come quello dei sogni.

Ieri sera ho preso il mio tempo e sono andato via senza pagare. Ma non ricordo via da dove. Via da chi. Via da cosa. Però ho detto alla tizia all’uscita di non preoccuparsi. Prima o poi passa sempre qualcuno a saldare i conti.

Quando ti ho chiesto “cosa”

23 aprile 2015

Quel senso di incosciente ineluttabilità. Quel retrogusto di desideri condivisi, di sentimenti contrastanti. La serenità è un continuo consegnarsi alla vita, consapevole e volontario. Senza calcoli.

È tardi. Stanotte i miei errori sono intrisi di caffè e adrenalina. Manca lo zucchero. Per me due cucchiaini di dolcificante e ottimismo possono bastare. Anche se dicono che sia meglio amaro.

Un giorno mi racconterò cosa ci trovo in tutto questo scrivere. La libertà, credo. Ho un altro libro ancora in cottura, a fuoco lento. Ho nostalgie ancora tutte da descrivere. Ho dubbi laceranti e certezze che fanno arrossire. Se proprio dovrò saltare stavolta butto prima il cuore oltre l’ostacolo. Poi tutto il resto.

Ieri ho piantato dei bulbi di tulipano nero. Si lo so. È da donne e poi non è stagione. Ma a volte fa sentire bene fare cose inusuali o senza senso. Niente è più eccitante del perdere e recuperare il controllo.
Peccare poi è straordinariamente consolante. Alcuni sbagli non fanno nemmeno rumore. Si confondono in mezzo alle cose ancora da fare e aspettano il momento giusto per uscire fuori.

Ho scoperto che esiste un ombra di irrinunciabile peccato prima di ogni emozione forte. È come quel silenzio che precede un grido assordante.
Stanotte vestirò le cuffie al cuore e alzerò il volume dei pensieri. Il giovedì può regalare contorni trasgressivi. Istanti che sanno urlare.

Forse chiudere gli occhi è proprio ció di cui ho bisogno. Risalire dalla caviglia le tue gambe scoperte. Esplorare quelle espressioni a cui ti abbandoneresti subito dopo. Mai troppo stanca di aver giocato. Mai provata dal divertimento. Costantemente eccitata dall’entusiasmo.

In verità mi affascina anche quella nuvola scura che ti passa ogni tanto davanti agli occhi. Quello sguardo lasciato vagare nel nulla alla ricerca di un punto imprecisato dell’universo. Una latidudine da cui partono tutte le prospettive possibili e in cui convergono le fughe da ogni contesto morale.

Quando ti ho domandato “cosa”, tu mi hai risposto “niente”. E a me è mancato il respiro.
Ora ho voglia di un divano Chester rosso porpora e del fumo di una sigaretta. Di quella musica che riassume i momenti migliori di tutta una vita e non lo sa.

Sei eccitante e bellissima. E quando sarà finita, il mio sorriso riflesso nei tuoi occhi sarà tutto quello che rimarrà di me.

L’alta marea negli occhi

22 aprile 2015

Le sensazioni positive, le frasi scritte, cancellate, sussurrate, gridate, dette e contraddette.
Le immagini colorate, le impressioni sbagliate, le decisioni affrettate, gli sguardi non ricambiati e i sogni ad occhi aperti.

La irrinunciabili curiosità, le deduzioni geniali, gli aggettivi inventati, gli avverbi e gli ossimori. Le figure retoriche, i verbi all’infinito, la punteggiatura, le dichiarazioni, gli intenti, le certezze, le paure, le frustrazioni, le fragilità.

E poi la gioia, i faccini tristi, i sorrisi sinceri, gli scheletri nell’armadio, le camice stirate, i jeans strappati, il sesso spinto, gli abbracci forti, la musica di nicchia, i libri, le mani nelle mani e le mani sugli occhi.

Speravo che tutto questo mi avrebbe trasmesso la serenità di cui ho bisogno. Ma ho costruito un castello di sabbia e parole, da guardare con l’alta marea negli occhi.

Il vetro appannato

21 aprile 2015

Accendo il motore. Abbasso il finestrino. Da fuori arriva un alito di vento. Il battito del cuore somiglia all’eco di un rumore silenzioso. Una pulsazione frenetica e regolare generata dal desiderio di quelle cose che non succedono mai.

Mi piacerebbe ridisegnare le mie voglie. Ho bisogno di una sessualità sostenibile. Di un orgasmo abbordabile. Stasera ho guidato senza costrutto. Io con i miei libri sul sedile del passeggero. Gli scontrini, le caramelle, le chiavi, una giacca, la borsa del computer e la sacca con le lenzuola pulite sui sedili posteriori. Ho ancora qualche conto aperto con la lavanderia e molti altri con la vita. Nulla di particolarmente emozionante.

I percorsi più eccitanti transitano all’interno di realtà alternative. Posso attraversarli per curiosità o per noia. Ma anche perché adoro quel retrogusto agrodolce che lascia l’adrenalina quando mi scorre dentro.

C’è un fiume silenzioso di intimità che mi attraversa e che ogni tanto mi piace veder esondare. Non è peccato lasciarsi trasportare dalla corrente. Scoprire fino a che punto ti porta.

La verità è che il desiderio di cose proibite è come il morso di un serpente a sonagli. Quando l’adrenalina è in circolo resistere al desiderio diventa un verbo senza significato.
L’unico antidoto è un vetro appannato dove soltanto tu saresti in grado di ridisegnare un sorriso.

L’ostinazione

20 aprile 2015

L’ostinazione è quando non smetti di cercare le risposte, anche se le tue conclusioni non giungono mai a niente. Quando perseverare non aiuta a raggiungere uno scopo.

È come rimanere imbrigliato in un’interminabile fase centrale.
Quella che più di tutte rivela i lati oscuri del tuo carattere.
La vita in fondo non è altro che un percorso di conoscenza.

Esiste un filo drammaticamente logico, silenzioso e potente, che lega ogni nostra decisione a quella successiva. Nessuno di noi rimane uguale al se stesso di una scelta presa in precedenza che non abbia portato a niente.
Si cambia. Necessariamente. E anche se si continua a desiderare la stessa cosa, non è più come prima.

A volte mi chiedo quanta amarezza si nasconde in un obbiettivo tardivamente raggiunto. Oppure raggiunto in tempo, ma a un prezzo troppo alto. E come cambia il nostro desiderio di realizzare qualcosa, una volta appurato che quel qualcosa non lo si otterrà mai?

Tutto questo mi fa riflettere sulla necessità di mantenere sempre un equilibrio tra ciò che si desidera e l’oggettiva possibilità di raggiungerlo. Quando non c’è più proporzione, la mente collassa. La vita sbanda.

La variabile iperbolica di un desiderio che si scontra con l’impotenza rovinosa di realizzarlo è un segnale tipico dei nostri tempi. Il risultato è una crescente frustrazione e una devastante disillusione anche su tutto il resto. Sui piccoli desideri di ogni giorno.

Se una persona intelligente lo è veramente, lo dimostra soprattutto nella gestione degli obiettivi. Nella scelta delle cose o delle persone a cui dare importanza. Nella rinuncia ai progetti meno felici. Perché l’ostinazione, nella maggior parte dei casi, è solo sinonimo di grosse delusioni.

La tua serenità

19 aprile 2015

Lui ti guarda. È nervoso, stenta a capire i tuoi discorsi. Ribatte colpo su colpo, ma non argomenta. Non spiega, non accetta di mettere a nudo la relazione. Forse è più preoccupato dei miei giudizi che dei suoi errori.

Io vi osservo e ti ascolto come se non sapessi fare altro della mia vita.
Ogni volta che i miei occhi incontrano i tuoi mi rendo conto che esiste un passaggio segreto che unisce il cuore con il mondo.

Tu continui a parlare.
A raccontare le tue verità.
Io non muovo un muscolo eppure ti sono sempre più vicino. I miei occhi stanchi si avvicinano indiscreti e accarezzano sconvenienti il tuo profilo. Esitano un istante sul tuo seno, poi esplorano il tuo corpo quando ti alzi e ti volti per preparare un caffè.

Un attimo di silenzio, poi torni per parlare ancora.
E io mi perdo tra le tue labbra, mentre risalgo con tutta la mia passione ogni parola. Cerco significati. Scalo ogni frase come farebbe un esperto esploratore alla ricerca dell’origine dei tuoi pensieri.
I tuoi discorsi sono un connubio perfetto di grinta e razionale emozione. Il tuo obiettivo è un’indole senza metafore.
Mostrare la realtà.

A un tratto cambio il destinatario del mio sguardo. Fisso lui e vorrei gridargli “perché”? Perché hai basato tutto sulla gratitudine? Perché non parli di condivisione, di complicità, di controllo, di perdono, di rinunce, di esclusività? Perché hai lasciato che il rapporto fosse o “Io”, o “Lei” e mai “Noi”?

È tardi. Ho le palpebre calate e un sonno assurdo, la luce che tinge tutto di bianco non aiuta e resisto alla contrazione dei muscoli facciali.
Tu mi guardi e fai una battuta.
Io vorrei lasciarmi morire dentro quello sguardo.

Lo sento che parla ancora a caso di “nucleo familiare” e percepisco chiaramente addosso tutto il peso del mondo.
Un bimbo?
Quale sarà il suo nome?
E chi proteggerà il suo cammino?
Qualcuno un giorno tenderà la sua mano per condurlo in questa realtà? 

Poi è un cane ad accorgersi che forse sto pensando ad altro. Mi salta sulla gamba grattandomi il maglione e immediatamente il sonno sparisce.
Mi guarda con tono severo senza scodinzolare: “non farlo più capito? non ti devi distrarre mentre ti parla!”
Io chiedo scusa con lo sguardo e le annuisco con gli occhi.
La continuo a fissare mentre le tue parole soffiano via come un vento tiepido che mi penetra fin dentro le ossa.

Improvvisamente la tua bocca accenna un sorriso che rigenera le mie cellule celebrali.
Poi più nulla.
Nessuno parla.
Nell’aria c’è silenzio. Nel cuore c’è silenzio.
Nelle coscienze c’è silenzio.
Ma è un silenzio tutto da ascoltare.
Nei rumorosi dettagli di quel silenzio colgo parole che risorgono in una forma nuova, più delicata.
Ora i tuoi occhi somigliano a foglie bagnate dalla rugiada.

Noto ansia, stress e qualche nota di squilibrio nelle motivazioni di lui. Quando spiega ha paura di eccedere, ma si controlla. Lo fa una volta, poi un’altra ancora.
Intanto io mi specchio nei suoi modi e mi accorgo di rivedere i miei limiti del passato. Tutti siamo in grado di fare cose stupide. Tutti commettiamo errori. La differenza sta solo nelle motivazioni.

Devo dirtelo.
Non voglio avere segreti con te.
Tante volte ho sbagliato senza pensare, nessuno però ha mai cercato di comprendere, nessuno sforzo da parte delle persone che mi circondavano. Solo giudizi.
Tu invece mi ascolti. Mi dici: “Non è grave. Non volevi farlo.
Forse non è successo nulla.
È tutto ok con me.”

Io ti osservo come se non avessi mai visto nulla di più bello.
Un tramonto luminoso.
Un’alba colorata.
L’arcobaleno dopo un temporale.
Un gatto blu che fa le fusa.
Un sorso d’acqua fresca dopo una lunga corsa.
Il primo sorriso dopo un grande spavento.
L’urlo che precede la gioia di un rigore segnato, in una finale di Champions League. 

Succede che quando chiudo gli occhi sei ovunque intorno a me e io mi senta protetto.
Non ho mai avuto la presunzione di sapere cosa sia l’amore, ma sono certo che prevale su tutto.
Ti fa prendere decisioni che non avresti mai preso in condizioni normali. Dire si, quando sarebbe no. E non conta il perché, accade e basta e non lo posso spiegare io. In fondo non ne sento nemmeno l’esigenza.
Mi basta viverlo intensamente e sapere che sei serena, perché oggi è questo che mi rende felice. La tua serenità.

Un altro caffé

18 aprile 2015

A volte basta alzarsi presto per scrollarsi di dosso le visioni sbagliate, i dubbi emozionali e gli equivoci.

Sono le quattro e mezza passate e per fortuna in autostrada c’è sempre un bar aperto. Senza autogrill la notte sarebbe un incubo.

Guidare non sempre è terapeutico e farlo senza aver fatto colazione è una frustrazione più insidiosa della stanchezza che cerco di contrastare.

Vivo di viaggi, di ossimori, di conseguenze impreviste, di ordinato caos. Con il cuore sempre ancorato alle sue tempeste.

Unisco i puntini senza preoccuparmi di seguire uno schema ben preciso. Indisciplinato. Disordinato. Senza prendermi troppo sul serio.

Questo approccio non mi ha mai lasciato a terra e in qualche modo ha sempre fatto la differenza nella mia vita.

No. Non è successo nulla di grave, sono solo pensieri. Magari adesso mi fermo a prendere un altro caffé.

Anzi no, non farlo.

17 aprile 2015

Stamattina vorrei trovare uno sguardo in grado di portarmi via. Scrivere è qualcosa di più che una masturbazione e io non sono un semplice esibizionista. Sono un ricercatore rilassato che gode del suo tempo. Un uomo forse catturato, ma non prigioniero della sua compulsiva ricerca di risposte.

Fatemi una domanda. Chiedetemi. E poi restate ad ascoltare. Non riuscirei a rimanere in silenzio. So unire i sussurri e scrivere forte quando voglio.

Dovrei mettere le cose in ordine stamattina nella mia testa. Preparare il caffè, fare colazione, spedire qualche libro e poi rispondere a un centinaio di mail. Invece scrivo. Temporeggio. Rifletto. Tergiverso.

Ho riletto una chat. Poi l’ho riletta ancora. Ho preparato la valigia. Ho bevuto un sorso d’acqua e limone. Ora aspetto. Aspetto di uscire da questa camera come un lupo che esce dal bosco a mani vuote. Confuso e affamato. Senza il suo solito carico di vittime.

Esistono desideri affilati e voglie che restano, scavano e mutilano. Emozioni troppo forti, da prendere in piccole dosi. Da diluire lentamente con minuti di spicciola quotidianità.

Dietro le risposte. Dentro le parole. Dentro quella mia capacità di possedere la mente di una donna attraverso le farneticanti storie che coltivo. All’ombra di un sentimento da cui mi nascondo per non farmi riconoscere.

Storie. Ecco, sì. Storie e disegni. Allusioni intelligenti, aggettivi appropriati, avverbi, eufonìe, ossimori forti, predicati e sottintesi. Figure retoriche, immagini velate, sottrazioni indebite di senso al senso e compulsive ricerche di significato.

La riflessione a volte va lasciata defluire sullo sfondo, annichilita da un’irrinunciabile eccitazione. Liquida e densa come il peccato.

“Perché mi stai fissando così?”
-“Perché sei incantevole.”
“Forse dovresti smettere. Anzi no. Ti prego. Non farlo.”

Un vicolo buio

16 aprile 2015

Visto da qui non c’è molta prospettiva. Il tempo. Che sia declinato al presente o al passato non si può fare a meno di esistere. Guardare il quadrante di un orologio e abbinare a quel gesto qualcosa da fare. Alzarsi e inseguire. Alzarsi e scappare.
Una strada comoda dopo una strettoia ti può far perdere di vista l’importanza della direzione. Ne ho percorse diverse in questi anni di strade comode che non portavano da nessuna parte. Date retta a me, a volte è più appagante un bel vicolo buio.

La zona oscura

15 aprile 2015

Esiste una zona oscura. Un quartiere periferico di me stesso dove si raccontano le delusioni. Per entrarci ci vuole coraggio. A parlarne invece sono capaci tutti. Basta un minimo d’incoscienza. Io non so nemmeno perché lo faccio. E’ come stringere i pugni chiusi e portarli all’altezza del petto quando hai male al cuore.

Guardo fuori. Si è fatto giorno. Le giornate si stanno allungando e questo, più di ogni altra cosa, mi spaventa. Avrei bisogno di un po’ di buio. Di un letto nuovo. Di un demone diverso. Un mostro dal profilo acuminato fatto a forma di sincerità.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: