Archive for the ‘Disinformazione’ Category

Uno alla volta

19 agosto 2017

Tentare di raccontare un fatto accaduto a trecento metri da noi, soltanto due giorni fa. Provare a descrivere prima la sorpresa. Poi la paura e il devastante senso di inadeguatezza nostro e delle persone intorno.

Forse niente di più difficile. Niente di più inutile. Se non ci sei dentro le parole non lo trasmetteranno mai. Se non l’hai vissuto la retorica non aiuterà qualcuno a capire.

Il terrorismo rimane un fatto universalmente noto e di portata drammaticamente storica. Ma cosa “cazzo” vuol dire terrorismo. Che ne sa un ragazzo di 22 anni del terrorismo. Della tolleranza. Uno che crede alle favole di una vita migliore dopo una morte infame. La vita è questa e non ce ne saranno altre per nessuno. 

Per questo mi trovo fortemente inadeguato a trasformare un dramma in un racconto, magari con personaggi da romanzo. Potrei comunque farlo. Ne sarei anche capace. Ma sarebbe la mia interpretazione personale e difettata. 

Oggettivamente si è trattato di un furgone lanciato su una folla. Come altri prima di allora. E altri che ne verranno ancora. Soggettivamente invece, per le persone rimaste coinvolte e per i terroristi assassini, si trattava di “uno alla volta”. 

Abbattere un vecchio. Un ragazzo. Una donna. Senza ordine. Con caotica casualità. Non sono certo stati lì a controllare l’etichetta. Giovani. Anziani. Cristiani. E magari anche musulmani, perché alla fine importa davvero? Per nessuno di loro c’erano persone uguali a loro. E in un certo senso è proprio così.

Ho provato a immaginare i protagonisti prima, durante e dopo l’attentato alla Rambla. In casa, al bar, nel furgone, in strada, in fuga. Quello che poteva andare storto e che invece purtroppo non è accaduto. 

L’irrisolvibilità del destino. La sopravvivenza di persone segnata da innumerevoli piccole coincidenze. La bimba che vuole tornare in hotel. La sterzata del van all’ultimo momento. La nostra storia che è sempre la somma delle conseguenze di tantissime altre storie. 

Esistono solchi profondi tra le persone, che nemmeno le più tenaci volontà sarebbero in grado di ricucire con la tolleranza. E questi baratri non sono generati da un conflitto, ma dalla pura e semplice differenza di pensiero.

Anche dentro di noi ci sono linee e soglie di non ritorno che continuamente varchiamo. Identità che quotidianamente muoiono e nascono. Tutto questo può apparire deprimente, dispersivo, frustrante. 

Immagino il furgone che corre. Le persone che cadono e muoiono. Alcune senza avere la benché minima consapevolezza, o reazione al fatto. Nessuna strategia difensiva opponibile. Soltanto il dolore. 

Le grida incomprensibili in lingue diverse. Ma tutte con la stessa intensità. Poi un’altra improvvisa accelerazione arriva e consuma ogni giustificazione morale. Le ruote sgommano in una serie di sterzate casuali sull’asfalto. Ogni schema logico salta. Il buonsenso viene fatto deflagrare in un tempo troppo piccolo per reagire. 

Così a un tratto è ancora il destino a lasciare poco spazio al bisogno di sopravvivenza di tutti. Dei terroristi. Delle coppie a passeggio. Dei turisti. Delle mogli, dei mariti e dei figli.

Al volgere dell’ultima sterzata un uomo viene soltanto sfiorato, mentre un’anziana signora italiana viene colpita dal paraurti e vola a oltre 20 metri. È il suo ultimo respiro e si esaurisce al suolo. 

È l’immagine più drammatica della nostra impotenza. E non mi viene altro da scrivere ora che non sia, maledetti.

“Dopo la notte”

24 agosto 2016

Esistono giorni in cui il sentimento verso le cose che succedono diventa prioritario rispetto a tutto il resto. Giorni che tolgono significato a una vita, già di per se, avara di significati. Succede dopo un attentato. Dopo un incidente ferroviario. Dopo una catastrofe naturale come quella di stanotte. Dopo qualsiasi evento tragico e inaccettabile che cancella vite umane innocenti. 

Eppure all’inizio non sembrava una cosa grave, ma un momento per scherzarci su. Per sdrammatizzare sul fatto di essersi svegliati nel cuore della notte. Nessuno parlava di crolli. Nessuno scriveva di feriti. E sui social network giravano solo brevi video di lampadari dondolanti in camera da letto. Invece c’era qualcosa di molto più grave alle porte.

Ora sono confuso. Terrorizzato. Arrabbiato con me stesso per averci addirittura scherzato. L’Italia dei piccoli paesi trema dalle fondamenta del senso. E intanto crollano le case. I ponti. Le chiese. Insieme alla nostre speranze e alle vite di chi purtroppo non è riuscito a scappare in tempo. È la storia di come ogni volta vorremmo che andasse, e di come invece non va mai.

Ti svegli. Qualcosa comincia a ballare. La libreria. Il letto. La lampada sul mobile. Succede sempre di notte. Poi tutto che finisce e rimane solo quella sensazione evidente di “oddio ma è stato un terremoto?”. Intanto in altri posti però qualcosa e qualcuno non ci sono già più.

Esistono momenti in cui l’esistenza si mostra con troppa incisività, e parlare di una cosa non è mai come viverla. Ma ciò al quale proprio non riesco ad attribuire un significato, è quel continuo “prenderci di sorpresa”. Come se il destino fosse consapevole di quello che sarebbe successo. Come se la natura complottasse per mietere nel sonno più vittime possibili. 

Consapevolezza. Mi ritrovo a spiegarlo oggi a Nicoletta che da stamattina è incollata davanti ai Tg. “Ma ti rendi conto di quanto è grave quello che è successo stanotte amore mio?” E lei mi fa cenno di sì con la testa. Non siamo mai consapevoli all’interno di una tragedia del genere. E mi chiedo cosa viviamo a fare. Forse esistiamo per diventarlo. Consapevoli intendo. Continuamente. Spietatamente.

Ma rispetto alle difficoltà che si affrontano probabilmente non lo saremo mai. Altrimenti non sarebbero esperienze. Altrimenti sarebbe tutto già stato affrontato. Leggo tante cose senza senso in rete. “È la natura che si vendica”. È colpa di questo. Di quello. Si poteva evitare. Preghiamo. Doniamo. Io non so. Sono così confuso. 

La natura non si vendica di niente. Si limita a fare la natura. E le profondità della terra non reagiscono certo alle cose che succedono in superficie, o alle stronzate nostre e dei nostri politici. Il punto è che tutto quello che stiamo guardando è in realtà un corpo solo espresso nelle sue diverse parti.

Siamo attori e spettatori su questa terra. Tremiamo nell’intimità delle nostre case quando c’è un sisma, e siamo sbalorditi davanti alla TV perché il terremoto avviene in una zona sismica. Eppure nessuno ha saputo predire. Nessuno ha fatto niente. Anche il Sindaco di Amatrice è espressione di questo sbigottimento quando piange in diretta. Quando con un filo di voce dice che la città è in ginocchio. Che le strade e i ponti crollano. Che la gente muore. Che niente è sicuro. Che “dopo la notte, non sorge il sole, ma c’è ancora la notte.”

Ogni casa mostra nel suo crollo tutti i mattoni di cui era fatta. Quello che si era sempre dato per scontato come intero è in mille pezzi. E lo è anche ogni sentimento dentro. La TV mostra i mattoni del nostro cuore e li possiamo contare uno ad uno. Ho ancora pensieri confusi per i quali chiedo scusa a chi ogni tanto mi legge. Ma sento che questa ennesima tragedia mi spinge a guardare con amore ogni cosa che custodisco in me. 

Il terremoto è un progetto distrutto. Calce e pietre che perdono il contatto. Che si scollegano e rovinano al suolo, insieme alla vita e ai progetti di chi c’è sotto. Possa ogni sentimento generato da questa calamità rimanere collegato agli altri dentro di noi. E generare amore. Per le persone. Per l’esistenza stessa. E per ogni progetto di vita che dobbiamo in qualche modo portare avanti con dignità, nel più profondo rispetto di chi non può farlo più.

Il codice morse

2 febbraio 2015

Sabato prossimo festeggerò il mio compleanno. E lo farò in un punto imprecisato delle Alpi Cozie. Di sera. In un giorno convenzionale di un anno non convenzionale. In una baita che sulla cartina non saprei nemmeno ritrovare.
Non so ancora se mi limiterò soltanto a bere e ad aggiornare il calendario, oppure anche a sorridere e vivere intensamente tutti gli istanti che verranno. Magari immortalandoli nelle fotografie, nei ricordi e negli sguardi miei o delle persone intorno.
Arrestare il tempo non si può, perché il tempo è un ladro di momenti che dispone sempre del migliore avvocato.
Se potessi tornare indietro forse non farei gli studi che ho fatto. Le cose che mi pagano oggi non sono certo le stesse che mi appagano e questi pensieri non fanno che comprimere il mio tempo inesorabilmente. È come se da qualche parte qualcuno, una sorta di destino o chi per lui, tenesse nascosta la mia copia di sceneggiatura eccezionale per sostituirla con un’altra scritta bene, ma meno interessante.
Colpa del mio essere indisciplinato. Quando vedo il rosso ogni tanto passo, ma questo non è successo sempre anche col verde. Qualche volta ho esitato. Qualche volta sono rimasto fermo a pensare a quello che mi ero lasciato alle spalle.
Stamattina la chimica dei rimpianti ha occupato qualche metro quadro di questa stanza addormentata, ma in fondo credo sia meglio far l’amore con le proprie scelte che del semplice sesso con le proprie rinunce.
La serenità è un punto a metà strada tra un posto sicuro e un luogo dove non mi vorrei mai ritrovare. Forse per questo viaggio spesso in treno. Perché viaggiare distratto mi pone più vicino a una incantevole e spensierata terra di mezzo.
E poi il mondo scorre più veloce se lo guardi dal finestrino di un frecciarossa. È come se gli spazi potessero allungarsi e ricomprimersi immediatamente. Perdere e recuperare la loro dimensione organica.
C’è un ordine preciso nell’universo. Messo ogni tanto in discussione dalla naturale capacità del caos di fare casino solo per poi risistemare tutto.
Bussano sulla parete della stanza.
Qualcuno si lamenta.
Devo aver pensato troppo e ad alta voce, oppure è solo il caos che tenta di improvvisare un codice morse. Forse è uno di quei giorni in cui non so che scrivere e le parole si rifiutano di venire in mio aiuto.

La scelta epocale di un uomo imperfetto

14 febbraio 2013

Ogni giorno continuiamo a poggiare il piede dove ci dicono di poggiarlo invece di cercare in ogni cosa un principio di senso e buonsenso. Esiste un punto di origine in ogni nostro pensiero e ognuno ha il proprio, è proprio questo che determina in ogni persona una strada diversa da prendere. Giusta o sbagliata che sia, ma comunque “propria”.
Ratzinger è soltanto un uomo ed essere papa era soltanto un incarico. Quindi perché non rispettare la sua decisione che per quanto epocale, rimane comunque la semplice scelta di un qualsiasi uomo imperfetto?

Alienabile e schizofrenico

25 luglio 2011

È sabato, il sole è alto e l’aria che si respira ha quel solito retro­gu­sto friz­zan­tino che solo la mon­ta­gna in estate può rega­lare. Trin­ceato come al solito die­tro il ban­cone della mia recep­tion ritrovo anche oggi quel minimo di cose pos­si­bili da rea­liz­zare. Rat­tri­stato da una con­cla­mata crisi eco­no­mica ed asse­diato della gene­rosa pre­senza dei “NO TAV”, che ogni male­detto week end rea­gi­scono al buon­senso bloc­cando l’autostrada per la val di susa, eccomi di nuovo alle prese con un cospi­cuo numero di con­si­de­ra­zioni e pensieri da tra­durre in parole.

Ormai da tempo si lavora a sin­ghiozzo, si lavora in per­dita, in sin­tesi si lavora male. Quando que­sto accade il gio­ca­tore di poker riflette, l’imprenditore si tra­sforma in uno scrit­tore e l’unica atti­vità intel­li­gente e rela­ti­va­mente appa­gante diventa quindi uti­liz­zare la potenza dif­fu­siva di un social net­work e par­to­rire quat­tro righe più o meno espres­sive nella spe­ranza di far scat­tare nella testa di ogni let­tore una scin­tilla che rie­sca poi ad accen­dere il grande fuoco. Con­si­de­ra­zioni che per oppor­tu­nità con­ti­nuo ad osti­narmi di chia­mare “note”. Ma sono senza dub­bio qual­cosa di diverso.

Le mie note. Oggi sono quanto basta per fug­gire la realtà eco­no­mica di que­sti posti. Quanto basta per trasfe­rire ad un me stesso pacato e ben­pen­sante l’illusione che esi­sta comun­que una via sicura capace di unire il fra­stuono silen­zioso di una inac­cet­ta­bile realtà alla bru­li­cante sud­di­tanza di una tra­so­gnata virtua­lità.
La realtà è tale solo se viag­gia paral­le­la­mente ad un mondo vir­tuale attra­verso due piani di pen­siero entrambi vicini, entrambi incli­nati. Uno spa­zio obbli­gato fatto di idee dove rim­bal­zano e riman­gono intrap­po­late milioni di rifles­sioni libere, ma anche fal­sità e parole inutili.

Ci sono cose che sare­sti dispo­sto ad accet­tare nel mondo vir­tuale, ma che in quello reale pro­prio fati­cano ad andare giù. Ogni male­detto week end c’è una sta­tale chiusa per una frana, una strada bloc­cata per un son­dag­gio geo­lo­gico, un’autostrada inter­detta per una mani­fe­sta­zione. Eppure si con­ti­nuano a pagare mutui, sti­pendi, leasing.

Ogni giorno ci sono par­celle da ono­rare e cen­ti­naia di domande che non sai a chi fare e che riman­gono senza ade­guate rispo­ste. Più passa il tempo e più mi rendo conto che sono pochi gli uomini capaci di rico­no­scere e spie­gare le pro­prie azioni. Pochi sono in grado di dimo­strare coe­renza in ciò che dicono ed evi­tare di nau­fra­gare in rispo­ste improv­vi­sate ed adat­tate oppor­tu­na­mente ad ogni situa­zione. E poco importa se tutto que­sto equi­vale a fran­tu­mare la pro­pria per­so­na­lità, per­chè onore e per­so­na­lità sono con­cetti vir­tuali lontani da que­sta realtà.

Ovvia­mente que­sti par­ti­co­lari biso­gne­rebbe notarli, ma non si può notare qual­cosa che non si vede o che non si vuole notare. Non si pos­sono leg­gere con­tem­po­ra­nea­mente le due facce di una stessa moneta se non la fai ruo­tare velo­ce­mente e que­sta è una moneta che non esce mai dalla tasca.
Alle soglie di que­sto evo poli­tico che sta riget­tando l’italia nel buio di un nuovo oscu­ran­ti­smo, mi accorgo senza volerlo di par­lare di poli­tica ed attua­lità quando avevo giu­rato di non ritor­nare più su certi argomenti.

Mi ritrovo in una moderna terra di mezzo cir­con­dato da vas­salli, val­vas­sini e val­vas­sori. Impe­gnato in una sorta di assurdo gioco di società che molto ricorda il feu­da­le­simo, dove un insieme di per­so­naggi molto più simili a nul­lità che ad uomini sta tentando, in modo presuntuoso, di impartire al mondo lezioni di imprendi­to­ria, eco­no­mia, giu­sti­zia, libertà, mora­lità e demo­cra­zia.
Pri­gio­niero di que­sta incer­tezza glo­bale e spesso vit­tima di invi­si­bili ovvietà e meschi­nità emo­tive con­tinnuo comun­que ad affron­tare la realtà lot­tando con­tro la con­cor­renza sleale di strut­ture ana­lo­ghe alla mia. Pic­coli alber­ghi che in Fran­cia bene­fi­ciano di cor­rente, gaso­lio e pre­vi­denza sociale scon­tati anche del 40%. Ed è una par­tita insen­sata dove mi ostino a voler vin­cere gio­cando ogni volta un dado con­tro due e dove infatti non si vince mai. E lo fac­cio senza creare problemi a nessuno o bloc­cando una statale o un’autostrada.

Se da un lato il rischio è quello di essere con­dan­nato alla mor­ti­fi­ca­zione e desti­nato ad una aber­rante fol­lia impren­di­to­riale, dall’altro ne esco comun­que sti­mo­lato. Ricordo alcune scene del film “Ogni mal­detta dome­nica”, una pel­li­cola epica di Oli­ver Stone della quale molti cono­scono il deva­stante discorso di Al Pacino allo spo­glia­toio, poco importa se quella squa­dra alla fine della sto­ria non vin­cerà comun­que il titolo, conta solo la carica emo­tiva di quei 4 minuti e 21 secondi di riprese.

Ho ascol­tato cen­ti­nai di volte quel discorso e dopo quasi 9 anni tra­scorsi lot­tando con­tro i mulini a vento, vor­rei rivol­germi final­mente a certe per­sone per vomi­tar­gli addosso tutte le cita­zioni pos­si­bili, anche se que­sto rischie­rebbe di farmi appa­rire vol­gare. So comun­que che le parole non cam­bie­reb­bero di una vir­gola la situa­zione di que­sta valle per­chè è meta­sta­tiz­zata e le meta­stasi non si com­bat­tono né con le parole, né con i fatti.

Mi fermo a pen­sare ad alcune let­tere aperte scritte in pas­sato, ma a stento rie­sco a ricor­dare le frasi che ho scritto.Son o un nar­ra­tore lento ed un let­tore distratto. Lascio quindi che sia la mia fan­ta­sia a per­cepire una cura per tutto que­sto. Lascio che sia l’ebrezza fine a se stessa di un gioco che adoro a farmi cre­dere che ci siano sem­pre i mar­gini per recu­pe­rare. C’è poca dif­fe­renza tra il cre­dere e il far finta di cre­dere a qualcosa.

C’è un solco invi­si­bile fatto di leggi e rego­la­menti sba­gliati, di oppor­tu­ni­smo e mala­fede da parte di chi ha pen­sato che si potesse rea­liz­zare e far cre­dere alla gente ad una unione euro­pea che di fatto non esi­ste. Non spero certo di riem­pire a parole que­sta pro­fonda vora­gine che separa l’Italia dalla Fran­cia. Tan­to­meno credo che avrò mai la pos­si­bi­lità di farlo con i fatti.

C’è un vuoto mas­sic­cio for­mato dalle migliaia di stron­zate che siamo costretti ogni giorno ad ascol­tare attra­verso i canali di infor­ma­zione reale, ed è per colpa di que­sto vuoto che oggi se me ne rimango soli­ta­rio, con­fuso ed ingan­nato nella spie­tata ed ogget­tiva impos­si­bi­lità di discer­nere il legale dall’illegale, il giu­sto dallo sba­gliato e il buono dal cat­tivo. Voi vi chie­de­rete per­ché?
Per­ché in fondo in que­sta vita tutto è real­mente comico, tutto è vir­tual­mente beffardo.

Tutto è spie­ta­ta­mente alie­na­bile e male­det­ta­mente schizofrenico.

L’imperfetto

20 ottobre 2009

Uno dei miei fumetti preferiti era senza dubbio Dylan Dog.
Ricordo che leggere le sue avventure era un po’ come affacciarsi fuori alla finestra del mondo.
Indagatore dell’incubo.
Investigatore dell’animo umano.
Un po’ come me!

Quel ragazzo semplice e sensibile che leggeva improbabili avventure oggi è qui, ma con qualche anno in più. Ovviamente non ha più molto tempo da dedicare al suo personaggio preferito, ma la sequela di storie e di situazioni che ogni giorno si susseguono ed i personaggi che compongono i quadri di vita quotidiana, lo riportano spesso e magicamente indietro nel tempo, a ricordare le avventure di quei fantastici giornalini.

L’uomo oggi è cresciuto, è un fine osservatore, un sognatore, un traghettatore di impressioni ed emozioni che attraverso il fiume della fantasia raggiungono le inarrivabili sponde di un’emozione. E spesso mi emoziono davvero a rileggere quello che scrivo. Scorrendo i ricordi, rido e… sorrido.

Il fatto è che nel momento in cui viviamo una esperienza, positiva o negativa che questa sia, la bruciamo in un attimo. E’ il tempo che poi ci aiuta a farne un buon ricordo.
Il tempo cancella dalla memoria i ricordi che appesantiscono, quelli che confondono ed illudono ed alla fine lascia che rimangano solo le belle esperienze a colorare il buio della nostra coscienza.

I miei ricordi sono chiari, la famiglia, l’amicizia, il lavoro, l’amore, tanti piccoli e grandi successi, risate, ma anche tante incomprensioni, liti, pianti e rimpianti.
L’imperfettibilità della vita è una cosa suggestiva. In questi giorni mi sono ritrovato a ricordare e scrivere dell’alternanza di chiari e scuri, di cadute e risalite, di successi ed insuccessi ed è stato come interpretare me stesso.
Scrivere è libertà di pensiero, interpretazione del reale, ma scrivere vuol dire anche immaginare, sognare, creare ed esprimersi senza stare troppo a pensare quale possa essere l’interpretazione del lettore.
Max,, che ormai è uno di quelli affezionati, continua a ripetermi che il quadro descritto ogni giorno è il profilo di un personaggio triste, ma non è così amico mio.
Agli occhi di chi scrive nulla sarà mai come sembra. Il pensiero può assumere qualsiasi forma e non necessariamente riflettere uno stato fisico od una condizione mentale assoluta.
A volte si scrivono cose tristi solo per combattere la tristezza, solo perchè il tutto assuma il contorno di una bellissima favola.
Posso stare qui a parlare di bomboloni e canti delle sirene, posso dispensare consigli a chi crede di essere stanco ed a chi non ha voglia di lottare per i valori universali che riempiono la nostra vita, oppure riempire i vuoti di un blog con l’illusione di esserci sempre e comunque, ogni giorno. E di contare.
La mia consapevolezza è quella di essere imperfetto, ma di non essere comunque solo un figlio, un fratello, l’amico o il fidanzato di qualcuno, ma anche un dispensatore di sogni per qualcun’altro che magari in questo momento è solo un ignaro lettore.

Lettera Aperta a Luca Lippera

20 ottobre 2009
Caro Luca,
ti chiedo di scusare il mio tono confidenziale dovuto forse al fatto che entrambi siamo iscritti all’albo dei giornalisti.
Sai, io e te siamo quasi uguali, tu probabilmente sei da sempre un appassionato di questa professione, fai parte della grande famiglia della carta stampata e diciamolo, i giornali rappresentano un po’ l’elite della categoria. Giusto?

Io non occupo un posto importante nel panorama giornalistico, il “mio spazio” è solo un freddo blog! Un luogo dove faccio delle parole il mio passatempo, senza trarre da questo alcun utile.

Sono un dispensatore di dubbi! Esprimo ciò che penso e quando non ho nulla da dire, riesco addirittura a rimanere muto.
E’ una delle mie doti migliori.
Tante domande senza risposte preconfezionate. Per me solo risposte attendibili, od in alternativa il silenzio.

Poi ci sono poi momenti in cui, in silenzio, proprio non riesco a stare.
Ho letto il tuo articolo e l’ho fatto con la morte nel cuore, perchè ho la fortuna di essere un amico di Massimiliano.

Vorrei avere da te una risposta sensata. Le risposte sensate sono la normale conseguenza a domande sensate, e la mia domanda è:
“Cosa fa scattare nella testa di un giornalista quella molla che fa scrivere, senza minimamente preoccuparsi se ciò che è stato riportato corrisponde a verità?”

Il fatto è chiaro. Un uomo è stato investito e qualcuno pagherà.
Ma tu hai iniziato il tuo articolo e liquidato il soggetto Massimiliano definendolo un transessuale od omosessuale abituale, realizzando il tuo pezzo con irritante ilarità e senza avere la minima verifica delle informazioni.
Che importa se poi si distrugge gratuitamente la reputazione di un collega.
Un uomo che forse meritava il beneficio del dubbio e di essere sentito a riguardo.

A sentirlo ci ha pensato il GIP che ne ha disposto l’immediata scarcerazione ieri pomeriggio, ed in attesa del processo Massimiliano ora è un uomo libero.
Ma la dinamica, adesso sai, che non è quella raccontata nel tuo pezzo de “Il Messaggero” e sarebbe giusto che anche chi ha letto il tuo scritto se ne potesse rendere conto.

L’articolo è viziato da una colpevole indifferenza nei confronti dell’informazione e da una mancata ricerca della verità. Ma capisco. Probabilmente, a quell’ora di notte, la verità riposava e forse per questo, poche rivelazioni facilmente recuperabili da personaggi per lo più anonimi, hanno contato più della verità stessa.

Mi chiedo ora quale sarà il tuo articolo di un prossimo domani. Tiro ad indovinare:
“Cannoni Arrugginiti sparano dal Gianicolo e feriscono un ausiliare del traffico alla Magliana ?”
“Reattori di Aerei precipitati nell’oceano contribuiscono allo scioglimento dei ghiacciai in Antartide?”

Centrifugare pensieri ad occhi chiusi non è fare giornalismo mio caro Luca, e rovinare la vita delle persone non è etico, è emetico e sbagliato. Equivale ad investire colpevolmente ed involontariamente un uomo, che ti salta sul cofano dell’auto in piena notte, con il solo intento di frantumare il cruscotto a pietrate.

Alcuni amici dicono che nutro una passione segreta per le “paranoie”, che adoro i “viaggi mentali”, che scrivo per scrivere, non per ricordare, ma per non dimenticare che esisto.
Hanno ragione.
Ma quando scrivo qualcosa o penso qualcosa di una persona, lo faccio acquisendo il maggior numero di informazioni possibili, lo faccio riflettendo, calcolando che ogni minimo errore o valutazione superficiale potrebbe in qualche modo generare una serie di conseguenze lesive nei confronti di un “qualcuno” qualsiasi.

Sì.
E’ come in una partita di poker, ed a poker più informazioni possiedi, più sei vincente.

Termino scusandomi e spero che queste mie righe non ti abbiano in qualche modo offeso. Ma la notizia deve nutrirsi di verità, se si nutre di superficialità muore e persone soffrono senza motivo.
Spero tu ne tenga conto per il futuro in situazioni analoghe.

Stato e Poker

20 ottobre 2009

..a chi mi chiede di dire la mia sull’attuale situazione del poker live in Italia devo necessariamente rispondere questo:
..stare a discutere della regolamentazione del poker live non ha davvero senso quando ci si trova come unico interlocutore uno stato permissivo di fronte a centinaia di situazioni grottesche commesse a cielo aperto come:
..relizzazioni di svincoli autostradali mai portati a termine..
..o costruzioni pubbliche stanziate e mai costruite..
..evasioni fiscali accertate e mai recuperate..
..assassini e pedofili a piede libero..
..ex terroristi posti in condizione di godere di potere politico..
..extra-comunitari alcolizzati che malgrado abbiano mietuto vittime innocenti riescono ancora a scorrazzare sul lungomare..
..e potremmo allungare l’elenco all’infinito..
..poi però superi di 11 kmh il limite di velocità di 50 kmh posto su una strada dove si è appostato il solito vigile furbastro.. e che succede ?
..ti fanno un sedere grosso come una casa..!
Purtroppo viviamo l’illusione di una democrazia..
..dove al popolo non è concesso alcun alcun potere..!
..ma di cosa vogliamo parlare se non siamo in grado di decidere nemmeno chi far governare..!
Il top del grottesco..?
..sentite qua..!
“..acquisizione del controllo di testate giornalistiche, mass media.. stampa e televisione..!”
“..realizzazione della separazione delle carriere in magistratura..!”
“..abolizione del monopolio RAI..!”
“..riforma dei rapporti stato-regione..!”
Questa è solo una parte del programma di rinascita democratica della vecchia loggia massonica P2..! Magari chi ha meno di 40 anni pensa si stia parlando di un programma di governo :))))
..se così fosse sarebbe stato realizzato in pieno..!
..e tra l’altro proprio da quei personaggi che figuravano all’epoca iscritti nelle liste di questa straordinaria loggia massonica..!

Sicuramente si tratta di coincidenze, ma levatevi anche voi lo sfizio di controllare quali singolari analogie esistono tra lo stato di fatto attuale e quello che si ritrova nel testo del programma della P2 degli anni 80 !!!!

http://www.misteriditalia.it/loggiap2/ilpiano/P2%28piano%29.pdf

..bleahh !
..scusate la politica mi fa andare il bombolone di traverso..!

I Colpevoli

20 ottobre 2009

Che bello.. oggi si va in banca per depositare sul conto corrente 1.000 euro, diciamo, che abbiamo vinto un torneo di poker. Grazie a questo fantastico deposito, la banca può prestare all’industriale che ne ha bisogno, 10.000 euro: è il meccanismo del credito frazionale ed il miracolo consiste in questo: la banca presta denaro che non ha, che crea dal nulla, e ci lucra gli interessi. Mitico.

La banca può scrivere quei 10.000 euro, nei suoi libri contabili, come attivo, perché ci guadagna gli interessi, e un giorno, magari, se lo vedrà ripagare. Nello stesso tempo, la contabilità però le impone di segnare una cifra identica, 10.000 euro, come passivo. Ciò perché la moneta creata dal nulla è ora in circolazione, l’imprenditore indebitato emette assegni su quel fido, e questi assegni saranno presentati all’incasso: la banca dunque ha un debito potenziale uguale al suo attivo. Questa passività viene coperta dal debitore con i suoi versamenti periodici per servire il debito che ha contratto.

Di fatto, accade qualche volta, no no accade tutti i giorni,  che l’indebitato non possa pagare, fallisca, diventi insolvente. In quel caso, la banca è costretta a registrare quel prestito andato a male alla voce perdite. Non è, diciamolo subito, una tragedia: poiché il 90% del denaro scritto nel fido è stato creato dal nulla, e non costa niente alla banca a parte le spese di tenuta della contabilità, ben poco valore reale è realmente perduto. E’ soprattutto una voce di contabilità.

Ma una perdita contabile è pur sempre un male per la banca, perché il prestito andato a male deve essere sottratto dalla colonna degli attivi, senza una corrispondente sottrazione alla voce passivi. Il passivo rimane, e la moneta creata dal nulla è in circolazione, e gli assegni vengono via via all’incasso, anche se il debitore è fallito. E la banca ha il dovere di onorare quegli assegni.

Il solo modo di pagarli, è prendere denaro dal capitale della banca – quello che ci hanno messo i suoi azionisti – o dai suoi profitti.

Nell’uno e nell’altro caso, sono gli azionisti della banca a perdere quei 10.000 euro. E per loro, la perdita è reale. Anzi se la banca ha fatto troppi prestiti avventati, e troppi dei suoi debitori risultano insolventi, può accadere che il passivo superi l’intero capitale che i suoi azionisti hanno investito nella banca. In quel caso, come abbiamo appurato in questi ultimi 20 mesi, la banca fallisce.
E’ un vero dolore, per i padroni. Un dolore così forte, che l’intero sistema bancario è collegato per scongiurarlo. No, gli azionisti di maggiornaza non possono perdere. La banca non può fallire. Per questo esiste la Banca Centrale: prestatore di ultima istanza, garanzia che nessuna banca soffra il fallimento, e i suoi padroni una perdita. La Banca interviene, se c’è questo rischio. A noi si dice: interviene per assicurare che i risparmiatori non perdano i loro depositi.

Il fatto è che ogni banchiere sa che non gli sarà permesso fallire, e perciò non dovrà rendere conto dei suoi prestiti più folli. E’ per questo motivo che le banche, severissime quando si tratta di prestare 50 mila euro al bottegaio dell’angolo o al lavoratore come mutuo per la casa, sono generosissime quando si tratta di prestare milioni di euro, anzi miliardi, a Parmalat, alla Fiat, allo Stato. Aprire un piccolo prestito costa come avanzare un miliardo di dollari dall’Argentina o dalla Fiat, e fa guadagnare meno interessi. E se la Fiat non paga, se rimane in arretrato l’Argentina, è l’intervento della Banca Centrale a salvare il banchiere improvvido, con la scusa che bisogna salvare il sistema; se diventa insolvente l’operaio col mutuo, nessun intervento pubblico lo soccorrerà.

Così, la banca presta volentieri agli Stati, allo Stato, a Parmalat, pur sapendoli insolventi.
Per capire come mai, bisogna ricordare una cosa: alla banca non interessa che il grande debitore estingua il debito, che restituisca rata su rata tutto il capitale. Quel capitale è al 90 per cento denaro creato dal nulla, e al 10% sono soldi vostri, il vostro deposito. Non è della banca, è vostro, e alla banca non interessa nulla. Quando un debitore estingue il suo debito e restituisce il capitale, per la banca è una noia: ora deve trovare qualcun altro da indebitare. Quel che conta, per la banca, è che il debitore continui a pagare gli interessi, magari in eterno.

Perché la banca lucra lì. Perché finché il debitore paga gli interessi, la banca può mantenere il prestito che gli ha fatto alla voce attivi.

In questo senso, il debitore ideale è lo Stato, gli Stati. La banca presta allo Stato comprandone i Buoni del Tesoro, che sono cambiali, promesse di pagamento. Ma nessuno si aspetta mai che lo Stato, alla scadenza dei Bot, paghi se non con l’emissione di nuovi Bot, di pari ammontare, a scadenza più lontana. Questo è l’eterno debito dello Stato; non risulta che nessuno Stato sia mai, nella storia, uscito dall’abisso del debito perpetuo. E’ proprio questo a rendere felice la banca: perpetuamente lucra gli interessi sui Bot, e del resto può in ogni momento rivenderli al pubblico.

Accade che gli Stati non riescano più nemmeno a pagare gli interessi. Accade sempre più spesso, nel terzo mondo. Ma i tempi non sono più quelli di re Edoardo d’Inghilterra, che ripudiò il debito coi banchieri fiorentini e li rovinò. Oggi, agli Stati decotti non è consentito ripudiare il debito, non è consentito fallire. Non è più permesso loro di rovinare i banchieri.

Quando l’Argentina o la Costa d’Avorio, debitori eterni, non ce la fanno proprio nemmeno a pagare gli interessi, la banca li soccorre nel proprio interesse. Se il debitore si dichiara insolvente, la banca dovrà cancellare il prestito dai suoi libri contabili, e pagare con i soldi dei suoi azionisti e padroni la perdita corrispondente. In fondo, basta che il debitore continui a pagare gli interessi su quel debito (non le quote-capitale), sicché la voce continui ad essere un attivo nei libri della banca, e il lucro della banca continui a piovere. Non ha soldi per gli interessi? Ma ci pensa la banca: apre al debitore un altro prestito, creando dal nulla il nuovo denaro necessario perché quello paghi gli interessi. E’ il miracoloso prestito-ponte, tanto praticato verso il terzo mondo. Il denaro fresco non entra nemmeno nel paese; passa da una all’altra scrittura contabile della banca creditrice. Miracolo: il vecchio prestito andato a male resta nei libri come attivo, anzi l’attivo è addirittura accresciuto dal nuovo prestito, e produce ulteriori interessi per la banca.

Ma, prima o poi, il debitore comincia ad entrare in affanno. Si accorge che non può costruire una scuola o un ospedale, perché tutto quel che riceve dalle tasse va a pagare gli interessi alle banche creditrici. A quel punto, Argentina o Costa d’Avorio smettono di pagare gli interessi.

I banchieri si strappano i vestiti. Fanno a pezzi la playstation. Fanno le facce strane. Minacciano il debitore insolvente: d’ora in poi nessuna banca gli farà più credito. Le due parti s’incontrano, l’autorità politica interviene (lo Stato delle banche creditrici), interviene il Fondo Monetario; alla fine della sceneggiata, immutabilmente, viene raggiunto un compromesso. Il debitore riceve un altro prestito (e sono tre), non solo per pagare gli interessi del primo e del secondo prestito, ma per indebitarsi ulteriormente…


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: