Posts Tagged ‘Coraggio’

Coraggiose decisioni

26 settembre 2012

Le idee che hanno portato a radicali cambiamenti nella mia vita non sono state nient’altro che irruzioni chiassose di pensiero in una mente silente.
Coraggiose decisioni.
Imperturbabili pensieri arrivati al momento giusto. Puntuali come una multa per divieto di sosta e devastanti come una randellata presa sulla testa.
Non avevo mai voltato le spalle ad un cambiamento, nè tantomeno chiuso gli occhi trovandomi faccia a faccia davanti a quelle che potevo chiamare “disordinate” conseguenze.
Ho sempre accolto ogni singolo mutamento accudendolo, confidando in tutti quegli arrivi che diventavano partenze, anche a gruppi di tre o quattro decisioni alla volta.
Quelle volte che avevo la testa piena di dubbi e non sapevo dove archiviarli, non mi sono comunque tirato indietro.
Ho cambiato lavoro, ho cambiato casa, addirittura lasciato paese e amici per poi tornare ancora, rinnovando compagnie e solitudini. Arrivando persino ad accettare quel me stesso che ero diventato.
Ma serve essere preparati ai grandi cambiamenti e io non sono in grado di dire con certezza se é il cambiamento o le conseguenze che questo comporterebbe a farmi paura oggi.
L’età ti rende più riflessivo e io mi sento giovane di anni, ma vecchio di minuti.
E se fosse meglio adattarsi e non cambiare?
Forse dovrei seguire un corso di “training mentale” per affrontare quel qualcosa di cui ancora non conosco nulla.
E se davvero fosse, chi sarebbe in grado di preparmi?
La vita è una catena fatta anche di decisioni dagli effetti imprevedibili, scelte che diventano esperienze simili ad una esclamazione a denti stretti che si pone esattamente tra le parole “Ahhh, ecco!” e “Nooo, cazzo!”
Non si puó certo saperlo prima, bisogna osare con la curiosità di un bambino, abbracciando il coraggio come un vecchio amico che ti bussa alla porta dopo tanti anni.
Bisogna farlo entrare. Magari annusandolo un po’ come farebbe un diffidente pastore tedesco.
Giusto per sentire se c’è puzza di un cambiamento andato a male.

Le opportunità non portano etichetta di scadenza, devi regolarti da solo.
A volte arrivano su un vassoio e somigliano al tuo cocktail preferito, servito da una dea seminuda che ti strizza l’occhio.
Potrebbe trattarsi di acqua sporca, ma se così non fosse sai che prima o poi ti verrà comunque presentato un conto salato.
Cash only please!
Sempre meglio che bere una gazosa al chioschetto degli sfigati.
Cambiare.
Non cambiare.
Vivere.
Restare al palo.
Cosa fareste voi?
Comprereste il biglietto per la prima di un nuovo grande cambiamento, nella speranza di trovare posto in un cinema già “sold out”?
Accettereste quel Mojto preparato con il basilico al posto della menta?
Aprireste la porta di casa a quell’amico che non vedete da oltre 20 anni?
Tutti voi.
Si voi, laggiù.
Ditelo, anzi scrivetelo.
E non suggeritemi di lasciar fare al destino. Lui non sceglie per noi. Lo fa solo per sè stesso. E’ un buffone egoista del cazzo

Il bluff tra coraggio e finzione

7 giugno 2011


Una delle battute che mi è rimasta più impressa leggendo i racconti di sir Arthur Conan Doyle, è questa citazione di Sherlock Holmes tratta dal romanzo Il Segno dei Quattro: “Dopo aver eliminato l’impossibile, ciò che resta, per improbabile che sia, deve essere la verità”. Nei tornei di Texas Hold’em la verità è un privilegio riservato solo a pochi fortunati giocatori, coloro che arrivano al tavolo finale a contendersi i premi più grandi e che sono riusciti ad imporre le loro personali verità anche ricorrendo al “bluff”.

Sappiamo come nel poker, ma più in generale anche nella vita, spesso si viva di continue letture ed interpretazioni. Un buon giocatore deve essere in grado di leggere e interpretare alla maniera del miglior caratterista ogni situazione possibile, anche ricorrendo all’uso della finzione bluffando, e bluffare vuol dire compiere un’azione dove l’interprete assume più importanza della bugia che si vuole rappresentare.

Servono un innato opportunismo, una maturata esperienza e in molti casi anche il sangue freddo di un chirurgo. Occorre sapersi mimetizzare tra gli acuti del gioco e al momento giusto uscire allo scoperto per sembrare quello che nella realtà non si è.

Personalmente adoro questa peculiarità del poker live e, nella mia lettura del Texas Hold’em come aforisma della vita, è davvero un piacere ritrovarmi a parlarne oggi.

Tutti recitiamo quotidianamente copioni che adattiamo a situazioni di vita reale. C’è chi mente per necessità, chi per non ferire le persone a cui vuole bene e chi per rimandare semplicemente la verità. Chi lo fa per apparire migliore di quello che è, chi per paura, per narcisismo o semplice egoismo, e chi magari per il banale gusto di farlo e basta. C’è inoltre una categoria di persone che non mente, ma ommette di dire la verità e chi, come abbiamo visto, lo fa con il fine di ottenere il massimo da una mano di poker.

Mi riservo di parlare più a fondo della bugia, magari in un mio prossimo articolo. Per ora mi limiterò a dire che, tra le bugie, la più pericolosa è quando si mente a se stessi, perché si può anche finire col credere alle proprie bugie. Ma torniamo a noi.

Bugia, finzione, inganno. In fondo la parola “poker” non deriva altro che dal francese “pocher” che significa “bollire a fuoco lento”, “ingannare”, o come si potrebbe scherzosamente dire usando il gergo pokeristico di oggi, “fare al sugo”. Ecco che tutto si riduce quindi a una mera attuazione di strategie con la finalità di confondere i propri avversari.

La didattica non basta e se non sappiamo giocare una mano in bluff o recitare la parte del più forte per costringere il nostro avversario a mollare la presa, siamo senza ombra dei dubbio dei giocatori incompleti. Inoltre occorre essere bravi anche a ostentare una innaturale debolezza quando, al contrario, sappiamo di avere la mano migliore, quello che nel poker viene chiamato “bluff passivo” o “slow play”.

Uno degli errori che molti dilettanti fanno al tavolo è quello di considerare il bluff solo il “puntare forte” quando non si hanno in mano due carte che abbiano, in qualche modo, legato con il board. In questo caso tutto diventa frutto di improvvisazione e non si può parlare di bluff, ma di una finzione attuata proprio contro se stessi, un’azione che di solito è in grado di convincere solo noi. Occorre invece fare leva sulle debolezze dei propri avversari ed è per questo che “osservare” assume, soprattutto in questo caso, una rilevanza importantissima. Il tavolo verde si trasforma nel nostro palcoscenico e sta a noi scegliere “quando”, “come” e “con chi”.

Lo stesso bluff, la stessa bugia, non porteranno mai a un risultato costante e le conseguenze varieranno sempre da giocatore a giocatore. Ecco perché bisogna sapere bene contro chi si sta forzando la mano. E anche se spesso è proprio contro i più bravi che il bluff riesce meglio, io suggerisco di focalizzare l’attenzione verso quei personaggi che al tavolo assumono un assetto conservativo o coloro i quali, invece, si dimostrano particolarmente timorosi nell’azione.

E quando invece sono gli altri a bluffare? Sebbene anche in questo caso contino molto l’osservazione del comportamento dei giocatori, gli umori al tavolo e la nostra capacità di una riflessione immediata su tutte le combinazioni e le probabilità possibili, tornerei a una attenta rilettura di quanto contenuto nell’aforisma di Arthur Conan Doyle. A volte escludendo tutte le possibilità, l’improbabile potrebbe essere l’unica cosa attendibile.

Posso dire di aver imparato a giocare a Texas Hold’em proprio imparando anche a subire alcuni bluff ben architettati dei miei avversari. In certi casi sento spesso dire “ho chiamato seguendo l’istinto, le mie sensazioni”, ma in determinate fasi del torneo è davvero meglio non tenere conto di quelle sensazioni e affidarsi piuttosto all’esperienza e al buonsenso, foldando. Le sensazioni uccidono i pensieri, compromettono il ragionamento, minano la logica delle nostre scelte ed espongono a figure da stupidi.

Non esiste niente di peggio che fare al tavolo la figura del perfetto idiota, sebbene a volte anche passare da perfetti idioti nelle fasi iniziali può aiutare nel proseguimento di un torneo, magari all’estero.

Nel 2009 chiusi il Day1 del Main event alle WSOP ai primissimi posti del chipcount. Lo feci giocando da perfetto idiota per un livello intero e ottenendo il massimo dai miei avversari nei restanti 3 livelli della giornata. Un mix di tattica e finzione, perché si può bluffare anche convincendo il tavolo di essere quel giocatore che in realtà non si è, senza limitarsi a farlo nella singola mano o contro un giocatore.

Chiudo citando ancora Conan Doyle. “Rifiutarsi di riconoscere un pericolo quando ci pende sulla testa è da stupidi, non da coraggiosi.” (da L’ultima avventura, ne “Le memorie di Sherlock Holmes”)


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: