Posts Tagged ‘Marcucci’

L’inutile e il dilettevole

23 marzo 2014

Se unisci l’inutile al dilettevole ottieni una pagina Facebook.

Un solo istante di vita

10 gennaio 2014

Il buio di mille notti senza stelle non pesa quanto un solo istante di vita privato del tuo sorriso.

Per ogni viaggiatore

10 gennaio 2014

Per ogni viaggiatore che aspetta il treno giusto ne esiste un altro che ha già raggiunto il proprio obiettivo.
Per ogni pagina rimasta nervosamente vuota c’è un foglio ricolmo di pensieri e cose già dette.
Per ogni “si” esiste un “quando”.
Per ogni “se” esiste un “come”.
Ma per ogni “fuga” non sempre esistono un “dove” e un “perché”.

Da piccolo

10 gennaio 2014

Da piccolo era più facile. Potevo spaccare i giocattoli per scoprire come erano fatti dentro, ma adesso non più. Da grande quello che rompi, poi paghi.

Fraintendere e ricostruire

10 gennaio 2014

La cosa peggiore che possa succedere a una persona è fraintendere la realtà e ricostruirla a immagine e somiglianza di tutte le sue più profonde paure.

Radici

10 gennaio 2014

Ogni tanto bisogna dimenticare di avere radici e sforzarsi di andare nella direzione di ciò che ci fa stare meglio.

Cala il sipario su Venezia

20 gennaio 2010

Sono serate come quella appena trascorsa che riescono ad imprimermi le più dissordanti emozioni..
Un caro amico che subisce una grave perdita in famiglia.. e poi due colpi devastanti di Bonavena al tavolo finale che trasformano il mio ruolo da protagonista in una istantanea griffata “settimo posto”..
Voglio bene a Salvatore.. E’ un solido giocatore, capace di foldare preflop anche i KK se la situazione lo richiede.. Conosco davvero poche persone in grado di farlo..!
Stamattina ho già in mente la favola giusta da raccontare a mia figlia.. E’ la storia di un orsetto reso disilluso dalla sua stessa fortuna, che torna a casa dopo aver lottato fino alla fine e lo fa comunque da vincente.. pur non avendo vinto nulla..
Ogni persona in grado di mantenere il proprio sorriso in ogni occasione deve potersi considerare vincente..
E’ questo che mi ha insegnato la vita ed è questo che cerco di trasmettere a Nicoletta.. la mia unica.. grande ed impareggiabile vittoria..
Un saluto a tutti dall’orsetto !!!

commenta sul forum
Commenta questo post sul Forum

Granitiche consapevolezze

18 gennaio 2010

Il poker somiglia ad un linguaggio che si può affinare, come tutti i linguaggi, solamente con la pratica..
Con il tempo se ne acquisiscono costrutti sempre più complessi ed aumentano la quantità di “storie” e di sfumature di “storie” che possono essere interpretate e raccontate..
Ieri ho passato minuti interminabili a studiare tutte le impercettibili contrazioni dei muscoli del viso dei miei avversari..
Non ho lasciato nulla al caso e ad ogni mia parola apparentemente banale ho letto reazioni di impressionante fondatezza..
Microscopici frammenti di labbra serrate.. accenni di riso.. tutti presagi di un inquietante smarrimento che mi hanno dato granitiche consapevolezze nei momenti cruciali del torneo..
All’inizio giochi senza assolute certezze, se non quella di esserci.. Poi il tempo passa.. Interpreti il linguaggio dei giocatori al tuo tavolo e tutto si fa progressivamente più assoluto..
Rimane solo l’attimo per un fotogramma prima di scendere di nuovo in campo..
Ad ogni persona è concessa la possibiltà di scegliere ed oggi verranno prese decisioni importanti.. Nel poker, ma più in generale anche nella vita, arriva il momento in cui sono i dettagli a fare la differenza.. Non ci sono più margini di manovra.. Sei dentro o te ne rimani fuori..
Sono gli acuti del gioco..
Ho visto persone superate dalla vita continuare a correre.. lacerarsi per lo sforzo e riprendersi tutto quello che la vita stessa gli aveva tolto..
Ho visto scomposte nuvole di polvere alzarsi e fallire nel vano tentativo di trasformarsi in solide montagne..
Per ogni azione due sole conseguenze vuote di qualsiasi significato oltre quello letterale.. Vincere o Perdere..!
Immaginate con me una macchina da presa che possa immortalare l’attimo in cui verrà fatta la scelta giusta..
Ora non rimane che filmare e scegliere un soggetto giusto..
Tutti pronti..? Ok..
Ciak ! Si gira.. Azione..

Basta un sorriso

20 ottobre 2009

Sia chiaro. Amo, ma non tutti e non alla stessa maniera. Non ho bisogno nè della bidirezionalita’ dei sentimenti, nè dei grandi numeri. La sincerità fatica a nascondersi e non bastano certo le tante maschere che la gente ha imparato a portare con disinvoltura. anche io ne avrei un armadio pieno all’occorrenza, ma non ne ho bisogno. Al massimo indosso un sorriso.
Oggi e’ un giorno particolare che sento mio più di ogni altro giorno. Non mi piace, ma capisco che non sempre si può ottenere il massimo senza arrivare ad un compromesso, senza falsi buonismi o certi modi di fare.
Nob si può perdere tempo a stringere le mani di tutti quelli che incontri. Basta un sorriso e chi ti vuol bene capisce.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: