Archive for novembre 2013

Anche da zero, ma insieme.

28 novembre 2013

Nessuna cosa importante succede facilmente o rapidamente. Ma sono le cose importanti che poi durano, si evolvono e arricchiscono.
Sono molti i fatti della mia vita che non mi sono piaciuti, che non capivo e ai quali del resto nemmeno oggi riesco a dare un senso preciso. Tutti quegli eventi anche positivi, eppure ben lontani da me. Grandi cose, per carità. Ma che non mi accendevano. Non riguardavano “tutta la vita” e che ho sempre trovato troppo identificati in un ritaglio temporale definito, incapace di evolvere. Momenti preziosi, eppure incastonati come brillanti in una parete rocciosa lontana da qualsiasi rotta percorribile.
Si vive di istanti, ma la vita vera la fanno le storie. Quelle di persone che si incontrano, si desiderano, si amano. Uomini e donne che sanno comunicare e capirsi. Che ogni giorno costruiscono, condividono, sperano, soffrono, agiscono, vincono o perdono tutto e sanno ripartire anche da zero, ma insieme.

Se fossi

18 novembre 2013

Se fossi una figura geometrica sarei un poligono regolare con un gran numero di lati, praticamente indistinguibile da una circonferenza e comunque ben lontana dall’esserlo veramente.
“Imperfetto”.
Se fossi una pianta non mi accontenterei di essere un albero qualsiasi, sarei un bosco.
“Generoso”.
Se fossi un automobile sarei una lamborghini e saprei benissimo che esistono due tipologie di graffi. Quelli che qualche simpatico estimatore ti lascia premurosamente sulla carrozzeria e quelli che sono solo conseguenze di una guida sbagliata, distratta o eccessiva.
Credo sia da sciocchi rimanere immobili a lasciarsi graffiare con un chiodo da ogni lato, solo per paura di prendere qualche marciapiede parcheggiando altrove.
“Logico”.

Aforismi e figure retoriche

18 novembre 2013

A volte mi sento come un bimbo che corre forte e non si preoccupa delle scarpe slacciate.

La mia vita è un cinepanettone. Vorrei almeno cambiaria in un cinetorrone morbido al cioccolato.

Stamattina mi sento come un elefante col raffreddore in una cristalleria Swarovski

Capisci di avere smarrito la strada quando non sai più se stai partendo o tornando. Ma conta davvero poco quando l’unica cosa che sai fare è “accelerare”.

L’amore è come la Nutella. Nessuno guarda mai la data di scadenza sul barattolo.

Tutti abbiamo un qualcosa del passato da esibire orgogliosamente come fosse una ferita di guerra, una cicatrice, una prova che si è davvero vissuto. Mostrarlo fa bene, basta che non si tratti di colpi auto-inflitti.

Continuo ad arredare sogni, perchè non posso ancora permettermi una realtà tutta mia.

A volte mi sento come un treno deragliato. È la mente che immagina. È l’immaginazione che mente. Anche privati dei propri binari si va comunque avanti e non c’è “velocemente” che non sembri “troppo lentamente”.
Ho ancora voglia di dormire.
Dimentico facile, quindi potrei già aver scritto tutto questo decine di volte. Alcuni pensieri bugiardi lanciano sguardi che gelano. Vorrei spiegar loro che non è come pensano, ma tanto so già che negherebbero di averlo pensato.

La domanda sbagliata

18 novembre 2013

Una “domanda sbagliata” comporta sempre delle spiacevoli conseguenze.
E una domanda giusta fatta al momento sbagliato è una “domanda sbagliata”.

Il buio peggiore

18 novembre 2013

Il buio peggiore è quando ci rifiutiamo di aprire gli occhi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: