Da ragazzino 

Da ragazzino mi hanno insegnato che p greco vale 3,14 e che per due punti passa una e una linea retta soltanto. Eppure nessuno mi ha mai detto che esistono luoghi lontani dentro. Posti talmente lontani da somigliare a universi diversi.

Mi hanno insegnato che la linea retta che unisce due punti si chiama distanza. Ma nessuno mi ha mai detto che la distanza tra due universi si chiama paura. Paura di perdere. Paura di perdersi.

Da ragazzino mi hanno insegnato che due punti occupano sempre una posizione diversa nello spazio. Che non esistono linee rette che collegano due punti coincidenti. Che due rette parallele non si incontrano mai. Eppure nessuno mi ha mai detto se magari sognano di farlo.

Per rimanere collegati serve una distanza. Anche breve. Anche piccola. A scuola era una questione di parametri. Oggi è soltanto un fatto di significati.

Ero un ragazzino quando mi insegnarono che per tre punti, non allineati nello spazio, passa soltanto un piano. Ma nessuno mi ha mai detto che una mattina mi sarei ritrovato a scalare un universo in cui c’è sempre un altro piano da raggiungere. 

Un universo dove bisogna soltanto salire. Salire ancora. Quando io mi sarei tranquillamente accontentato del piano terra. O meglio ancora del piano bar. 

9 Risposte to “Da ragazzino ”

  1. civuolepoco Says:

    Wow che bello questo post…..ti dispiace se lo condivido nel mio blog?

    Liked by 1 persona

  2. Da ragazzino – Gianluca Marcucci – CIVUOLEPOCO Says:

    […] Finalmente ho fatto poker. Mi lamentavo del fatto che molto spesso faccio fatica a trovare post interessanti che mi conquistino e mi entusiasmino, capaci di svoltare la storia all’ultimo o comunque di lasciarmi qualcosa buono o cattivo che sia (compresi i miei, scontato) Oggi invece mi imbatto in un blog di tal Gianluca Marcucci, ovviamente, non ho la più pallida idea di chi sia ma ho letto un sacco di cose che mi piacciono quindi non abbiatene a male ma al momento lo catapulto in vetta della classifica dei preferiti. Su sua autorizzazione riporto un suo post. […]

    Liked by 1 persona

  3. lilasmile Says:

    Paura di perdere, paura di perdersi. Ma sai che invece credo che alla fine quello che spaventa di più in assoluto sia il trovarsi? Ti do questo spunto anche se non so se tu condivida questa mia idea.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: