Vuoi salvare?

È vero. Qualche volta i pensieri si bloccano. Succede quando i desideri all’improvviso si spezzano e smettono di funzionare. Visto da fuori tutto sembrerebbe perfetto. Il sorriso disegnato. L’ironia incessante. E tutte quelle espressioni creative che riescono comunque a trasformare un uomo in una meravigliosa elegia di normalità. Ma dentro? Dentro a volte è il caos. Stanotte me ne vado in giro con tutta l’immaginazione possibile. La prendo per mano. La trascino attraverso le stradine illuminate di una città senza tempo. Le indico cosa guardare e le racconto la storia di Roma. Eppure c’è uno spazio dentro di me. Una sorta di ambiente dove continuano ad agitarsi le parole mai dette. Le storie mai nate. Quelle finite. E quelle distrutte. Quante volte ho maturato la presunzione di essere io, quello in grado di restaurare le parti più danneggiate di un desiderio infranto. O che potessi essere tu quella capace di trovare l’ultimo pezzo di un interminabile puzzle. Stanotte cammino. Penso. E scrivo di cose che non tutti possono comprendere. Scrivo senza avere qualcosa di veramente importante da scrivere. Scrivo a qualcuno più reale nella mia immaginazione, che immaginario nella mia realtà. Ecco, la realtà è una bambina che saltella sui sampietrini sconnessi. Forse occorreva lei per ripararmi. Per restaurarmi i pensieri. Ma ancora non saprei dire se si tratta di un ottimo lavoro. Forse non ha avuto tutto questo tempo. Forse è ancora troppo piccola per capire che siamo sottili come carta. Ripiegabili. Ma non all’infinito. Ed esiste un punto in cui non sono possibili ulteriori piegature. Intanto è passata un’altra settimana. Un nuovo strato di tempo si è appoggiato su quello precedente. Certi minuti non scorrono. Si sedimentano. E quella polvere attutisce i rumori. Cancella le immagini. Anche se da qualche parte, dentro. Qualcosa resiste sempre. Magari è solo un’eco lontana. Magari è solo una vigliacca speranza. E finisce che mi ritrovo puntualmente lì. Seduto in quella piazza con le tartarughe finte che mi guardano sottocchio. Con l’anima parzialmente illuminata dai lampioni. E un crescente bisogno di aspettare che qualcosa accada. In fondo non vorrei altro. Che la vita somigliasse a uno di quei videogiochi di avventura che piacciono tanto a mia figlia. E che alla fine di ogni giornata, qualcuno ti venisse a chiedere, sorridendo: “Livello completato. Vuoi salvare ?”

  

4 Risposte to “Vuoi salvare?”

  1. fede63 Says:

    mi piace, ma dimmi, perché la (santa) speranza sarebbe “vigliacca”?

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: