Posts Tagged ‘Vita’

Non ci parliamo da tempo

29 aprile 2017

Città. Le nostre città. Ma anche tutte le altre città. Sono edificate nel tempo. E forse somigliano molto a chi le ha costruite. Somigliano ai nostri stati d’animo. Al nostro modo di essere. Di reagire.

Tutte ad esempio hanno un centro e delle periferie. Le periferie rappresentano il limite, il confine. Invece in centro si trovano i negozi. Le griffe. I ristoranti migliori. È in centro che si puliscono meglio le strade. Che i buchi sull’asfalto vengono riparati all’istante. 

Un parallelismo interessante. Amiamo stare nelle zone più curate della città come nelle zone migliori di noi. E poi ci sono le nostre spiagge. Le nostre favelas. Le nostre borgate. Un confine quasi sconosciuto, perché da sempre poco e mal frequentato. 

Finché la vita ci permette di stare al centro della vita stessa non abbiamo motivo di addentrarci verso i limiti. Non abbiamo voglia di scrutare la periferia. Le zone della nostra più devastante impotenza. 

Charles Darwin ci ha riconosciuto un istinto, che ci ha salvaguardato nel tempo. E che oggi ci conduce e ci rende esperti di fronte ai rischi. Un qualcosa che vive annidato nella cultura di ogni popolo.

Ogni storia può essere osservata con il punto di vista del calciatore brasiliano, del pastore sardo, dell’astronauta russo. Oppure con l’angolazione dell’agricoltore, del prete, del cow boy. Che magari osserva il mondo da dentro e coglie soltanto l’immensità del deserto attorno a lui. 

Chissà. L’astronauta invece vedrà la terra nel suo complesso. Questi pensieri sono un trasferimento continuo dalla sella all’astronave. È l’immenso racchiuso nel dettaglio che ci proietta dalle stalle, alle stelle. A guardare, come un astronauta, da lontano tutta la nostra vita. 

E viceversa, solo una considerazione più alta e assoluta ci spiega meglio un dettaglio. L’impronta di rossetto in un bicchiere. I lineamenti di un sorriso, o il sapore delle labbra di una persona. Una che oggi non sappiamo nemmeno in che città, o periferia, sia finita.

Ma abbiamo bisogno di questi racconti? Abbiamo necessità di essere una città dentro la città? A cosa mi è servito viaggiare, scrivere, parlare e ascoltare? A cosa mi serve questo blog? Che cosa cambia mentre niente sta cambiando?

Di fronte a “tutto quello che rimane lo stesso” io posso mutare solo il mio punto di vista. Scegliere la collina da cui osservo me stesso e il mondo. Posso partire dalla mia intelligenza, dalla mia speranza, dalla mia ironia, da tutti i miei sbagli. Dalla rabbia. Dalla paura. 

Ecco a cosa serve guardare “le cose che non cambiano”. Serve a riconoscere ciò che invece sta cambiando in me. Il significato più profondo di tutti quei centri e tutte quelle periferie. 

Mi sfugge il significato della vita, ma non sfuggirò mai alla vita. Non posso capirla, ma posso domandarmi in quanti modi mi è possibile considerarla. A quali siano le diverse profondità raggiungibili. A quali siano i momenti più esaltanti, o rabbiosi della mia esperienza. 

Direi che sono arrivato al dunque di questo pensiero. È “me stesso” che sto raccontando in queste pagine. È “me stesso” che ogni volta rimprovero e giustifico con il solito mezzo. Le parole. 

E ringrazio la vita, per tutta questa vita. Perché finché avrò la fortuna di esistere sarò io il passato, il presente e il futuro di ogni singolo giorno della mia esistenza. 

Non conta dove. Non conta con chi. Questo lo stabilirà il destino. E ormai non ci parliamo da tempo.

Essere sepolcro. Essere culla.

18 aprile 2017

Le aree dismesse esistono fuori e dentro di noi. Il tempo ne traccia i confini. La domenica pomeriggio. La fine di un viaggio. Di una vacanza. La fine di una relazione. Una moltitudine di “fine” e a ogni fine corrisponde il vuoto. Un brutto posto esistenziale dove andare.

Naturalmente più si diventa grandi e peggio è.

Ieri sera ho fatto due passi partendo dal lungomare di Ostia. Di settimana in settimana adesso la luce del giorno rimane più a lungo a impressionare le cose che vedo. Poi sono entrato nella pineta di Castel Porziano. In alcuni tratti un vero luogo di abbandono. 

La luce ieri sera illuminava la natura, ma anche l’immondizia, i detriti, i ciuffi d’erba tra le buste abbandonate. Chissà quando. Chissà da chi.

La luce. La luce è più interessante di ciò che illumina. Partendo dalla decisiva funzione di uno sguardo al buon funzionamento degli occhi. 

A ogni pensiero siamo sepolcro e culla. I miei occhi in fondo raccontano le storie molto meglio di me. Imparassi da loro a essere così oggettivo. Così pragmatico.

Perché le cose che scrivo non sono altro che il luogo della trasformazione di tutti gli sguardi della mia vita. Così come la “fine” di un bel giorno, di una relazione, di una semplice vacanza, non sono altro che un posto scomodo dove stare a pensare. 

A volte mi trovo a ricordare qualcosa che ho già scritto e mi chiedo come sia mai arrivato in passato a scrivere cose che oggi magari non penso. 

Si può cambiare ancora quest’idea? Come ci sono arrivato? Che strada ho percorso? In quali luoghi mi sono trovato a cercare le parole per scriverlo? Come mai oggi dico cose così diverse da anni fa? 

Scrivo per dare forma a un processo. Un’azione depurativa degli eventi che vivo. Estraggo vitamine e ferro arruginito dai giorni. Ingoio frustrazioni e restituisco ossigeno in una sorta di fotosintesi sommersa e silenziosa. 

Ora la spiaggia. Una bicicletta col cestino della spesa. Il sole scivola via e accarezza con la stessa grazia tanto i posti belli, quanto i luoghi dove non esiste la serenità. 

Stasera permetto alla luce di entrarmi dentro. Alle parole di fare il proprio percorso. A volte l’esistenza è più consapevole di noi di quanto non potremmo esserlo noi stessi. L’esistenza sa. Il passato trasforma il nostro passaggio in memoria. 

Non so perché, ma questo pensiero mi trasmette una spietata allegria. 
Mi fa sentire parte di qualcosa di immenso a cui appartengo secondo qualche legge che non ho ancora capito.

Essere sepolcro. Essere culla. Essere un uomo in grado di trasformare qualche detrito abbandonato in un tramonto. E una discarica in vita.

Un’emozione elevata al quadrato

8 dicembre 2013

Ci sono mattine in cui mi sveglio con la stramaledetta voglia di una emozione elevata al quadrato.
Ad un tratto un dirompente bisogno di accelerare si sostituisce alla solita prudente armonia e la necessità di vincere trasforma un complicato desiderio in qualcosa di semplicemente paranoico.
Accendo la tv ed curioso un omino ingiacchettato sta offrendo, ad una sorridente signora, due fustini di detersivo in cambio di quello appena acquistato.
Lei rifiuta.
Lui insiste.
Lei rifiuta ancora.
Rinuncerei anche io se mi offrissero quant’anche 3 vite nuove in cambio della mia.
Vorrei però smettere di pensare.
Nervoso, certo.
Ma non devo esserlo.
Non oggi.
Apro incautamente un cassetto di esperienze passate e cerco la maschera giusta da indossare per l’occasione.
Provo dapprima una smorfia inopportuna, poi uno sguardo melanconico, ma alla fine è la disillusione di un ironico sorriso che sembra finalmente calzarmi a pennello.
Soddisfatto.
Mi cerco nello specchio ed è come se il mio volto fosse scomparso, cancellato, fuso tra le difformi sfumature delle mie quotidiane e molteplici maschere e io rielaboro il concetto di smorfia in precario equilibrio tra etica ed emetica.
Oggi immagino il destino in reggicalze nere e pugni chiusi.
“Più importante è la meta e più difficile sarà il tragitto.”
Intanto però cammino e mi tengo ben stretta la mia vita.

La storia della mia vita

24 ottobre 2013

È la storia della mia vita.
Quando desidero qualcosa con tutto me stesso, pare che l’universo intero cospiri affinché questo qualcosa non si realizzi mai ed è in quel momento che vorrei soltanto accelerare fino a 350 km orari.
Vorrei scappare lungo uno spazio temporale e ritornare il bambino che ero un tempo. Quello che dalla finestra della sua stanza rubava minuti ai libri di scuola per guardare …le stelle.
Erano sempre là. Le vedevo solcare il cielo solo per me e puntavo loro il mio dito.
“Non puntarci il tuo dito” mi rispondevano le stelle.
Ma ho sempre ignorato l’avvertimento.

Forse è come dicono gli americani. “Life it’s so fucking cool.”
Non sono conforme a ciò che questa vita vuole impormi. Non ho orari, non ho un ufficio, non ho colleghi, non ho una donna.
A dire il vero non sono nemmeno molto convinto di avere tanti amici, ma sta bene così.
Vivo solo con i miei piccoli umori e “solo” con tantissima vita intorno a me. Non potrei desiderare altro.
Una volta camminavo per le stradine di Claviere, presto al mattino e spesso incrociavo i veri abitanti della montagna. Volpi, cerbiatti, marmotte. Qualche volta facevo anche in tempo a immortalarli con l’iPhone.
Tutto ciò era pace.
Poter scattare una foto in tranquillità è pace.
Decidere qual’è il momento giusto per “decidere” è pace.
Niki che spiega come vestirà la sua barbie è pace.
Un torrente di montagna, ma anche la risacca spumosa delle onde dell’oceano o il denso silenzio della neve quando cade su altra neve è pace.
I tuoi occhi che si specchiano nei miei occhi è pace.
Osservarti mentre dormi è pace.

Sono li che ti guardo. Che aspetto l’occasione giusta per accarezzarti il viso. Una grande emozione da custodire tra le mie piccole mani. Stretto e costretto tra le metamorfosi di un volto teso e un soffitto tappezzato di sogni evanescenti e impercettibili microrganismi di un sentimento da passare al microscopio.
Un virus che si moltiplica nel mio cuore e dal quale è impossibile non venire infettato.

Anche stamattina ti scrivo.
Scrivo in quell’angolino di letto che mi protegge di fronte alla grandezza del mondo, immaginando cosa possa essere la felicità.
Scrivo del futuro senza però conoscerne le opportunità.
Scrivo dell’amore, ma solo per sentito dire.
Scrivo pensando ad una ragazza bellissima che illumina di speranza e sentimenti forti la mia vita.
Scrivo della vita, di quella vita che conosco ben poco. Una esistenza che impacchetto come un regalo ancora da ricevere e che non sono più certo di voler scartare senza te.

Non sarebbe vita

30 gennaio 2013

Dolore, rabbia, odio, desiderio, amore, stupore, meraviglia, tristezza, malinconia, noia. Emozioni che non si sa come coltivare, mantenere, stimolare o cancellare. Eppure, senza non sarebbe vita.

Due pagine bianche

21 settembre 2012

Rileggendo il mio libro mi rendo conto di come le parole nascano per essere superate dalla vita e da nuove parole, per questo alla fine della mia storia ho lasciato due pagine completamente bianche.
La prima è per tutte le cose che avrei potuto scrivere e non ho scritto. La seconda è per tutto quello che probabilmente non avrò la possibilità di scrivere mai.

Seduti sullo stesso mondo

21 settembre 2012

È proprio vero! La vita è quello che che alla fine ne facciamo.
Forse bisogna guardarla da un piano superiore per capirlo. Vederla dall’alto e nel complesso.
Da lontano i ritmi rallentano, tutto pesa di meno, tutto ti scivola addosso, anche i giudizi degli altri e le parole non fanno più male.
Da lontano gli spazi si riducono, puoi definire meglio i tuoi limiti, affrontare tutto con più ottimismo e renderti conto che la tua vita non è diversa da altre milioni di vite.
È solo da lontano che ti accorgi che tutti sono seduti sullo stesso mondo.

Improbabili interpretazioni

22 febbraio 2010


Dove diavolo sono finito? 
Perchè non sogno praticamente più? 
Da oltre tre giorni non faccio nient’altro che affrontare problematiche inerenti al lavoro.. 
Impegni che diventano inderogabili..
Problematiche che assumono i risvolti imprevedibili….
Soluzioni che sembrano irraggiungibili..
Il lavoro è il collante più resistente..
Te ne stai attaccato alla quotidiana realtà senza il tempo di una benchè minima via di fuga dagli acuti del gioco..
Stamattina non ricordo neanche la prima cosa che ho ascoltato al mio risveglio..
Forse era solo il “bip bip” di un cicalino di allarme.. ma non ho ben ben chiaro quale sia la spia rossa accesa..
Pensare..
Riflettere..
Riordino le idee ed è come fare il giro dell’isolato a piedi, senza fermarsi mai davanti ad alcun portone..
Mentre deambulo tra centinaia di pensieri, mi accorgo di essere privo degli attributi necessari per suonare ad un citofono e mi tornano in mente alcune immagini di un passato ormai lontanissimo..
Era un periodo della mia vita dove premere il pulsante di quel dannato citofono sembrava essere una impresa ciclopica.. così non l’ho fatto mai..

Metto le parole nell’ordine giusto per evocare su questo foglio elettronico le stesse tensioni di allora.. lo stesso senso di risoluzione.. 
La realtà nasconde angoli apparentemente ciechi oltre cui si celano sempre ampi viali.. ma anche vicoli senza uscita..
Nei sogni invece risiedono le opportune zone di calma dove nulla possono tutti i furiosi assalti di questa spietata quotidianità..
Una volta era più facile e potevo reagire alla forza con la forza.. Potevo riconoscere un giocattolo e romperlo solo per vedere come era fatto dentro. Oggi invece ho addirittura difficoltà a capire a cosa stia giocando e penso sia la naturale evoluzione delle cose.. 
A rompere i giocattoli ci pensa mia figlia.. 

Stamattina alzo la testa e mi rivolgo ad uno specchio appannato con uno dei miei innaturali sorrisi..
Adesso che sono solo davanti ad un me stesso riflesso posso solo smetterla con questa mia assurda presunzione di controllo.. 
Sognare è necessario come lo è un morbido accappatoio dopo una doccia.. Ne potresti anche fare a meno ma.. vuoi mettere?

Di cosa stiamo parlando? Ah, già.. Domande.. Ne ho alcune..

Quanto ho ancora da dare e quanto da prendere in questo gioco?
Quanto sono forti le mie braccia e quanto buonsenso ho ancora dentro?
Se comincio ad ignorare il tempo con tutte le mie forze.. scomparirà?
Risalgo questo livello di pensiero all’interno di un illusorio ascensore e mi sento vagamente recluso nello spazio scuro che intercorre tra pianerottolo e l’altro..

Libero?
Protetto?
Intrappolato?

La vita è il gioco di oggi e va solo interpretata nel modo giusto.. 

Come si dice? 
Ah, sì, grazie.

commenta sul forum
Commenta questo post sul Forum

La giostra equestre

27 gennaio 2010

Interagire… Realizzare… Crescere…
Nella testa tutto è possibile e il conto delle cose che posso fare nei prossimi 11 giorni diventa una mera questione di calcolo.
Volontà, moltiplicata per il tempo necessario, il tutto diviso il numero di possibilità che mi da la vita. Una formuletta mica male.

Stamattina vivo l’ordinato caos di una mente iperproduttiva e questo credo sarà sufficiente a tenermi occupato per l’intera giornata.
Ho disinnescato la sveglia trenta secondi prima del segnale acustico. Nessuna giornata potrebbe iniziare meglio.

Vivo a pieni giri un insieme di rapporti che interagiscono tra loro e non c’è davvero il tempo per curare un rapporto alla volta. Spesso non c’è nemmeno il tempo di fare la barba, tagliare i capelli o guardarsi di sfuggita allo specchio.

Discussioni…
Si può discutere su tutto, non certo sulle funzioni del sole o del colore della luna.
Il mio vivere sembra fatto di cose semplici e banali, ma non sono così banali, nè tantomeno così semplici. A volte mi sento il guardiano di un faro alle bocche di un porto dove non approda mai nessuno, ma questo non vuol dire che quel faro non abbia comunque una collocazione importante, o che quel molo sia abbandonato.

C’è sempre quel faro che indica la strada giusta da seguire e per ogni imbarcazione che passa indenne una leggera euforia facilita il mio compito di dimenticare i dubbi della quotidianità.

Un senso di meravigliosa mediocrità mi pervade.
La sensazione di non potercela fare.
La voglia di scappare via e nascondermi tra le pagine di un libro che non ho mai scritto.
Oggi la realtà si risolve in qualcosa di meglio dell’idea della realtà stessa.

Io sono quel sole ed allo stesso tempo quella luna che tu ti ostini ad ignorare.
Io sono molto meglio della parte giusta del meglio.
Sono l’indiscusso guardiano del faro che illumina qualcosa di più della mia stessa vita.
Ma questo forse ancora non ti è chiaro.

Ho più volte affrontato quel processo in cui io stesso ricopro la parte di giudice, di accusato, della pubblica opinione e della giuria, eppure ne disconosco ancora il verdetto…
Ma questo è un altro discorso.
Adesso ho voglia di chiudere gli occhi sul troppo e concentrarmi sul necessario.

Troppa realtà…
Odio la realtà perché non posso guardarla ad occhi chiusi.
Mi tengo quindi ben stretta questa spietata sensazione di aver vissuto fino ad oggi una vita fatta di sogni e raccolgo le schegge di una caccia al tesoro che dura da oltre 40 anni.

Paradossale…
La mia storia somiglia tanto ad una circonferenza dove tutto ritorna.
Mi guardo intorno e scopro che qui ci sono sicuramente già stato e forse questo mio viaggio ha da sempre come meta lo stesso punto di partenza.

La vita come una sorta di giostra equestre, dove ogni tanto il destino è in pausa caffè e non può certo guardarmi mentre afferro ciò che voglio.
Posso mancare la presa, ma so comunque che capiterà di nuovo ed avrò ancora una fottuta occasione.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: