Archive for ottobre 2012

Ovvietà

31 ottobre 2012

Nel poker, come nella vita, l’ovvietà diventa soggettiva.

La semplicità

30 ottobre 2012

Non esiste solo il necessario o l’essenziale. C’è anche uno spazio intermedio. La semplicità.

Il momento di entrare duro

28 ottobre 2012

Quando il campo diventa fanghiglia, metti da parte il colpo di genio ed entra duro su tutte le palle.

Il confine dell’eccellenza

20 ottobre 2012

Credo che il Texas Hold’em abbia permesso a molte persone di sfuggire al proprio anonimato e a situazioni di impotenza troppo complicate per essere sopportate nella quotidianità. Ci vogliono coraggio e disciplina nella vita, tanto nel riuscire a giocarsi tutto in una sola occasione, quanto per resistere all’acuto dei momenti magici o alla forza dirompente dei giorni più difficili.
In questo gioco è invece possibile. Questo gioco ti permette di sbagliare e ricominciare. E così anche le persone meno capaci riescono a trovare, prima o poi, il proprio momento di gloria.
Il poker anestetizza la paura, quella che un uomo debole avrebbe di affrontare la propria esistenza come andrebbe affrontata una singola mano di poker.
C’è una differenza abissale tra chi desidera diventare abbastanza forte da sostenere la vita e chi spera invece di renderla tanto piccola da riuscire a tenerla in mano senza faticare.
E’ questo che traccia un confine netto tra chi è da sempre alla ricerca dell’eccellenza e chi si accontenta solo della banalità di una vittoria, conseguita tenendo due carte in mano e spacciata al pubblico per un grande successo.

La fisica dello stronzio

18 ottobre 2012

L’uomo è costituito da un insieme di atomi di carbonio, ossigeno, idrogeno e azoto. Manca lo stronzio ! Eppure non si direbbe.

Ironia

18 ottobre 2012

La sottile ironia spesso regala più verità di una scrupolosa serietà.

Ogni sogno

18 ottobre 2012

Ogni sogno è qualcosa che in principio desideri dentro e poi cerchi di realizzare fuori di te.
Ma se non ti sforzi di renderlo realizzabile, quel sogno diventa un’ossessione con la quale devi essere pronto a convivere.
Fino a quando finirai per tradirlo con un altro sogno, esattamente come in quelle storie che nascono per noia, vanno avanti per inerzia e si esauriscono per inconsistenza.
Se non lo hai realizzato, non l’hai mai desiderato veramente.

Adolescenza

17 ottobre 2012

L’adolescenza è una gabbia nella quale rientrerei volentieri.

Vivo

17 ottobre 2012

Vivo e non è certo facile come navigare sotto le stelle o come lasciarsi trasportare dalla corrente.
Vivo tra i sorrisi, le lacrime e i brandelli di sogni che a volte si strappano come vele e rimangono a marcire sull’albero di maestra.
Ma sono pronto comunque a remare, a sfidare ancora i cieli e le correnti contrarie. Ad urlare al vento la rabbia, la gioia e la voglia di andare avanti ancora…

Porte

5 ottobre 2012

Le porte spalancate sono inutili se non hai ben chiara la differenza tra il concetto di “entrata” ed “uscita”.

Moscerini

1 ottobre 2012

Nessuno dedica la propria attenzione ad un moscerino prima che gli sia entrato nell’occhio.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: