E tu chiudi gli occhi

Dilettantismi. Pregiudizi. Amori non ricambiati tra le pagine di un libro dimenticato sul divano. Charles Bukowski fa capolino dall’ultima pagina e si lamenta dei suoi amori perduti.

Intanto il tempo non scorre. Anche la caffettiera sembra non volerne sapere di tossire caffè. Il suo respiro si confonde col silenzio di certe storie disabitate.

È ora di riscrivere. È tempo di rileggere. È il momento di strapparsi una costola e riporla nella scatola delle scarpe al posto del cuore. Una sorta di maledizione degna di un “Pirata dei Caraibi”. La vita è un libro, o forse un bel film.

Che poi la maledizione peggiore che può arrivare addosso a uno scrittore è quella di saper osservare. Già, osservare. Perché osservare è più di vedere.

Osservare è il verbo che fa da incipit ai ricordi e lascia inciso sulla memoria un segno che poi improvvisamente si attiva.

Le immagini risalgono così le terminazioni nervose. Qualcuna nuota a stile libero contro corrente. Altre diventano solubili fino a sparirci dentro. E tu chiudi gli occhi per ritornare a far parte del tutto da cui provengono i momenti più belli.

Una Risposta to “E tu chiudi gli occhi”

  1. poetella Says:

    Molto Like.
    Foto inclusa

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: