Non servono a volare

Succede tutte le volte che decido di scrivere qualcosa. Il quarantenne che sono si avvicina al dodicenne che è in me e gli domanda se l’anziano che sarò potrà essere migliore o peggiore di entrambi.

C’è sempre un motivo per chiedere qualcosa e una ragione per non rispondere. Una ragione che oggi però non so trovare più. Scrivere quando non vorresti somiglia a un antico e complicato rito pagano. Bisogna evocarli i pensieri e non basta sacrificare i ricordi. Ci vuole qualcosa di interessante da dire e qualcuno che sia davvero disposto ad ascoltare. Un me stesso autentico. Al pieno di quelle sue capacità di analisi che solitamente sono il punto di forza dei suoi spunti del mattino.

Gli aggettivi da usare stamattina potrebbero essere tanti. Lucido, soddisfatto, autentico, riposato, stupefatto, rilassato, appagato, ironico, silenzioso, compiaciuto, cosciente, gratificato. E via dicendo. A me ne viene in mente uno in particolare: leale.

Sono proprio questi aggettivi, gli scalini che portano al sentimento vero e alle emozioni. Che cosa si potrebbe mai chiedere in fondo, a uno scrittore, che non sia una rilettura della realtà? Io provo a parlare della mia che conosco bene. A scriverla e restituirla viva. Palpitante. Imperfetta.

A volte somiglio a una mosca che cammina sul bordo di un bicchiere. Indeciso se lasciarmi tentare o volare via dalla trappola per finire in una qualche tela di un ragno a caso.

Ogni storia che si rispetti si nutre di errori che la distruggono. Ma ogni storia è un’esperienza. Ogni racconto un percorso. Quello che manca è solo il dettaglio che alla fine porta a un cambiamento. Il punto di vista di chi legge.

Sono un quarantenne per definizione. Incatenato al suo modo di scrivere e descrivere. Al suo incalzante desiderio di celebrare i sentimenti. Quelli veri. E non farà mai differenza sentirmi dentro 12, 30 o 60 anni. Perché i miei pensieri felici non hanno mai un sesso o un’età ben definita. E non servono per imparare a volare. Ma per continuare a camminare sicuro in questo spettacolare viaggio che è la vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: