Archive for the ‘Poker’ Category

Vincente o Perdente?

2 Mag 2011


A volte mi domando se sia opportuno o meno provare a suddividere i giocatori di Texas Hold’em in grandi categorie che ne identifichino un po’ i lineamenti fondamentali. Ebbene la risposta che ogni volta do a me stesso è che per quante sottocategorie esistano e per quante altre se ne possano trovare, forse nel poker come nella vita, tutto si riduce ad una mera divisione tra “vincenti” e “perdenti”.

Ed un perdente si riconosce. Magari è quel personaggio che ha sempre una scusa per ogni mano giocata male e che tuttavia persevera ripetendo meccanicamente gli stessi errori o che si proclama solo vittima di una deità negativa.

Sempre in tensione fin dai primi livelli, lo vedi giocare portando sulle spalle un macigno fatto di pensieri sfocati ed insicurezze lubrificate del quale sogna solo di liberarsi presto. Per questo si infila sovente in strade senza uscita e accoglie ogni eliminazione come una vera e propria liberazione.

Ci sono perdenti poi, che nel tentativo di generare simpatie diventano grandi parlatori al tavolo. Altri lo fanno lontano dal tavolo e non li senti comunque mai raccontare di sontuose vittorie, ma unicamente di strane ed improbabili mani perse.

Solo apparentemente solidi, sono tutti comunque affetti da una strana sindrome, la sindrome dell’angoscia da poker nota in ambiente clinico come “Nikefobia”. Quella particolare patologia dove il giocatore si convince che vincere sia una pratica faticosa e temibile. Dove in pratica non si riesce a star lontani dagli acuti del gioco, ma è solo per un compulsivo desiderio di uscirne al più presto, scrollandosi così via di dosso tutte le insopportabili tensioni.

Raccontata così, il perdente potrebbe assumere i lineamenti contorti di un simpatico personaggio partorito dalla penna di Ken Follet. Incerto, imperfetto, logorroico, sfortunato ed ora anche affetto da improbabili malattie che lo condannano ad occupare solo l’altro lato della medaglia.

E i vincenti? Si dice che i vincenti siano quei giocatori che hanno sempre una tattica testata, una risposta giusta e una soluzione congrua. Ma chi tra noi può definirsi veramente un vincente? Chi può vantarsi di appartenere a questa categoria? La risposta non può che rimanere un punto a metà strada, una soluzione confusa tra le nostre innumerevoli alternanze di stati d’animo. Quel punto dove il “vincente” e il “perdente” si trasformano nelle due facce di una stessa medaglia. Infatti non basta certo vincere, perchè spesso sono le sconfitte a creare dei vincenti.

Come esiste un universo e quindi anche il suo riflesso, esiste un mazzo di carte dove due assi rossi non si troveranno opposti sempre a due assi neri. Il vincente? Non può essere altro che quel giocatore disposto a giocarsi sempre e fino in fondo le sue carte, anche dopo aver visto battere tutte le mani migliori. Quello che non si arrende e sa che non si può vincere senza perdere mai, perché la vittoria e la sconfitta non esistono se non legate da un filo invisibile.

Jim Morrison scriveva “Vivi come se ogni giorno fosse l’ultimo e pensa come se non dovessi morire mai”, ma in fondo sarebbe più opportuno dire “Vivi ogni notte come se fosse l’ultima, ma la mattina non sottovalutare la forza dirompente dell’ironia e preparati a rinascere per vincere o perdere ancora”.

Lancio una moneta e scelgo testa. Lei gira e si rigira nell’aria, volteggia qualche secondo su se stessa, poi si lascia cadere sul palmo della mia mano per mostrare la sua verità: croce. Sorrido. Sono comunque pronto a lanciarla ancora.

Diamo tempo al tempo

16 aprile 2011


Nel Texas Hold’em, come nella vita, spesso si finisce con il confondere l’opportunità di giocare un torneo con la compulsiva necessità di farlo. A volte anche commettendo il banale errore di tirare in ballo la propria dignità a titolo di giustificazione. Esiste una categoria di giocatori che non riuscirebbe a rinunciare nemmeno per un istante alle luci della ribalta. Sia chiaro, ad ognuno di noi piace vincere e la speranza di tutti è che un giorno arrivi un singolo raggio di quella luce ad illuminare il nostro torneo.

Da qui a fare però della speranza una maniacale necessità, il passo rischia di diventare breve. Magari solo per via di un “appeal” squisitamente televisivo, dove è un semplice tavolo finale ad un campionato di poker live a trasformarsi nell’unica via di fuga da un anonimato a volte pesante. Anonimato che per certi players è addirittura difficile da sopportare.

Pochi d’altronde nel proprio lavoro o in ambito di una vita vissuta normalmente avrebbero il coraggio di mettere tutto in gioco, mentre in un torneo è relativamente facile andare “all-in” e magari vincere. Il Texas Hold’em dà la possibilità anche alle persone più semplici di trovare il proprio momento di gloria, combattendo e vincendo intorno a un tavolo verde. Ma se poi si viene eliminati? Cosa succede? L’indisciplinata voglia di rivincita può causare un brutto scherzo e spingere all’immediata ricerca di una nuova ribalta.

Così come in una sorta di sordido compromesso e in costante equilibrio tra il bisogno di “arrivare” e l’effettiva capacità di “arrivare”, si raddoppiano inutilmente gli sforzi, perdendo di vista una delle regole fondamentali che ogni giocatore non dovrebbe mai dimenticare. Il controllo del proprio bankroll.

Viviamo in un mondo dove l’uomo non è altro che un ingegnoso compromesso tra cuore e mente, e visto che sono soprattutto i compromessi a rappresentare il propellente dell’esistenza, perché non accettarne uno che metta d’accordo “uomo” e “giocatore” optando in certi casi per non giocare? Perché non rinunciare alla spasmodica ricerca di una ribalta da trovare ad ogni costo? “Diamo tempo al tempo” dicevano i saggi.

In realtà bisognerebbe accontentarsi di usarlo il tempo ed invece c’è chi addirittura si perde nel tentativo di possederlo. Ci si deve regalare una pausa quando non si ha a disposizione il bankroll necessario da destinare ad un torneo live. Non esistono solo decisioni da prendere al tavolo, ma anche scelte lontane dalla realtà del torneo stesso e sono quelle che fanno la differenza tra un uomo accorto ed un giocatore irresponsabile.

Purtroppo però, il “gambler” che si nasconde in noi non è sempre disposto ad accettare questo compromesso e la prima partita che ci troveremo ogni volta ad affrontare sarà proprio quella tra il “noi” che siamo ed il “noi” in cui vorremmo trasformarci. C’è una grande differenza tra il voler essere un “grande” e diventarlo veramente. Lo stessa distanza che passa tra il giocatore che vuole vincere e colui a cui invece importa solo che, alla fine, se ne parli.

La ricerca del limite

16 aprile 2011


Se dico che il Texas Hold’em da torneo si può giocare rasentando il limite non affermo niente di nuovo, ma se aggiungo che la ricerca del limite sta diventando con il passare del tempo un concetto artistico, forse rischio di far saltare ancora qualcuno dalla sedia. Parto dal presupposto che un giocatore di poker non sia un computer, ma agisca e reagisca ad una serie di stimoli, sentimenti ed emozioni che in modo condizionato od involontario, lo portano ogni volta a scegliere cosa fare.
Non credo alla “fortuna” o “sfortuna” nel senso suddetto, non esiste una deità più o meno maligna in grado di perseguitare un giocatore. Al tavolo, durante lo svolgimento di un torneo, esiste solo l’uomo con la sua capacità di compiere azioni.Inutile nasconderci dietro un dito. È ormai chiaro che senza un pizzico di estrosità non è assolutamente possibile perseguire grossi risultati. Come è altrettanto chiaro quanto sia difficile, andando alla compulsiva ricerca di quei risultati, ottenere una apprezzabile continuità di rendimento.

Il problema diventa quindi una mera questione di scelta. Non si tratta di tecnica, ma di tattica. Le zone oscure di questo splendido gioco sono state già tutte esplorate e mappate dalla didattica, rimane solo la tattica l’unica variabile ancora umana e squisitamente soggettiva. Per ogni situazione esiste un nostro personale modello operativo da seguire. Per ogni azione ci sono reazioni diverse che dipendono dalla scelta dell’obiettivo da perseguire: “il contenimento del rischio” o “il raggiungimento del massimo ottenibile” anche a dispetto del rischio stesso.

Una volta ho sentito dire che prendersi qualche piccolo azzardo di tanto in tanto può portare a grosse soddisfazioni. Non è vero. Solo grandi rischi portano a grosse soddisfazioni, ma espongono anche a possibili grosse delusioni e qualche volta anche a qualche brutta figura. Tuttavia se è vero che la didattica è in grado di illuminare i lati oscuri del gioco giocato, nulla può fare per alcune zone che rimangono ancora irrimediabilmente oscure, come ad esempio tutte quelle mutevoli variabili comportamentali che albergano ben nascoste dentro di noi e che alle volte ci rendono indisciplinati.

È per l’esistenza di queste zone inesplorate del nostro carattere che vale la pena inoltrarsi in argomenti come quello di oggi. Anche questo è poker.
Partiamo dal concetto che l’uomo è comunque un essere imperfetto.
Senza accettare questo dato di fatto non sarebbe nemmeno possibile continuare il discorso, perché uno dei rischi maggiori in un torneo di lunga durata è proprio quello di abbassare i freni inibitori perdendo la capacità di percepire il pericolo.

Le disattenzioni letali sono spesso figlie di indisciplinati e colpevoli eccessi alimentari nella pausa cena o di una eccessiva superficialità nel valutare dettagli fondamentali come il ‘riposo’ durante le pause, indispensabile a garantire la lucidità nei momenti che contano.

Insomma, è fondamentale la disciplina nel gioco, ma anche nell’approccio fisico per evitare una totale esposizione al rischio e la perdita di vista di quei riferimenti elementari che rappresentano l’abc del poker da torneo. Io non sono un caso a parte e non posso negare di aver peccato a volte di questa superficialità. Difficile in fondo rinunciare ad un invito a cena tra colleghi soprattutto quando si viaggia all’estero. Ricordo in un torneo a Valencia di qualche mese fa, di aver perso quasi un livello oltre alla pausa cena, proprio attardandomi nel degustare in un ottimo ristorante spagnolo, primo, secondo, contorno e dolce con Cristiano Blanco.

Tre ore di sonno e una cena luculliana non sono il modo migliore per affrontare un day2, ma era stato un day 1 talmente effervescente da far passare tutto il resto in secondo piano, anche le mie indispensabili paure.
Per tenere alto il livello di guardia occorrono timori intensi come deserti vuoti e paure profonde come baratri che si pongono tra te e una meta ancora irraggiungibile. Un posto dove fare i conti con i tuoi errori e le tue disperazioni. Un posto chiamato “limite”. Una sorta di muro virtuale in grado di separare la scelta giusta da quella sbagliata. E giocare al limite non vuol dire spostare più in là i confini per raggiungerne di nuovi, ma solo ridursi a buttare le carte davanti a possibilità palesemente inaccessibili, come quella di rubare, andando “all in”, un piatto ad un giocatore committato, solo perchè hai la fondata certezza che si tratti di una mossa in bluff del tuo avversario.

Questo può far di te un giocatore vincente oppure il principe delle mosse inutili. Il giocatore vincente raddoppia tra lo stupore dei presenti in sala, mentre il principe delle mosse inutili raccoglie tutte le sue cose e si alza salutando educatamente gli avversari ancora al tavolo. Stringe la mano al floorman e si guarda dentro un ultimo istante per controllare il limite, rendendosi conto che di quella linea non esiste più traccia. Non importa il tipo di mossa che si sta per fare, se vincente o perdente, ma è fondamentale che alla base di tale mossa ci sia sempre un ragionamento e non una distrazione.

Questa non vuole essere una lezione, ma una nota quasi etica. Il filosofo tedesco Friecrich Nietzsche, una volta scrisse: “A posteriori non vale la pena perdere il tempo discutendone ancora, in fondo fa parte del genere umano sbagliare di tanto in tanto”. Vorrei rispondere a Nietzsche, ma sono imperfetto e darei risposte imperfette. Però sono capace di riconoscere errori e di cercare significati, trasferendone il senso a ogni mia scelta futura. E più si è in grado di cercare significati, più avanti si può arrivare. Sempre.

Intervista Assopoker di Domenico Gioffrè

4 dicembre 2010

Eccoci qui a colloquio con “the bear”. Dalle pagine del tuo “vita da orso” emergono diverse cose di te, ma una mi suscita una enorme curiosità e quindi partiamo a bomba. Da quello che scrivi, mostri di essere una persona in perenne evoluzione, in perenne ricerca di sé e di “nuovi sè”. Come fa tutto questo a convivere con lo spirito competitivo di un player che deve mostrarsi più sicuro e granitico dell’avversario di turno?
Mi è sempre rimasta impressa una frase del mio vecchio professore del liceo. “Prima confrontarti con gli altri devi imparare a confrontarti con te stesso.” Ed io non faccio altro. Scrivo e mi rileggo ogni volta che ne sento il bisogno. Credo di avere il dono dell’esposizione e la sensibilità necessaria per guardarmi dentro. Raccontare diventa quindi una elementare conseguenza. Nascono così le mie riflessioni e tutte quelle note che possono essere belle o brutte, scritte bene o male e riguardare la “mia” come altre migliaia di vite reali come la mia.
Quello che mi piace sottolineare nei miei scritti è che esiste una linea ben visibile che separa la realtà, l’esperienza e la fantasia. Le tre cose non si escludono, ma non si possono neanche confondere o sovrapporre.
Soprattutto però, non possono fare a meno l’una dell’altra: la fantasia non può fare a meno della realtà e la realtà dell’esperienza.
Il mio mettermi in dubbio è tutt’altro che sintomo di insicurezza o paura. E’ pura coscienza.
Non c’è nulla di esoterico, filosofico o psicologico in questo. Tutto diventa oggetto di riflessione, tutto può essere messo in discussione e tutto diventa quindi raccontabile.
Il rapporto tra l’uomo e il giocatore?
Non sei la prima persona a notare questo mutevole contrasto di personalità.
Qualcuno mi chiede se i pensieri coincidono oppure no. Se le loro idee sono simili oppure differiscono completamente.
In realtà vado d’accordo con entrambi.
Interpreto alla perfezione il giocatore sedendomi al tavolo e guardandomi intorno con l’unico scopo di saccheggiare le emozioni di tutti gli avversari. Analizzo le parole, i comportamenti. Cerco di entrare nella pelle di ognuno e quando riesco a farlo quel giocatore diventa un libro aperto.
Nel poker come nella vita sono diventato molto bravo ad osservare gli altri, ad ascoltarli, a non farmi sfuggire un gesto o una parola. E’ questa la competizione, le carte sono secondarie.
Alla fine il giocatore legge i testi dello scrittore, mentre lo scrittore vive e si limita a tifare spietatamente.

Scherzi a parte, si nota da subito che non sei un poker player nell’accezione “comunemente intesa”, a partire dal tipo di comunicazione. Molti scrivono “ho shippato qui”, “mi hanno sculato di là” etc etc…Tu invece fermi i tuoi pensieri liberi, su di te e su ciò che ti circonda, e li condividi con tutti. Come vivi questo mondo (del poker obv)? Ti sta stretto?
Ti confesso che il mondo del poker mi va effettivamente un po’ stretto, ma ho intenzione di mettermi seriamente a dieta.
Ironia a parte.
Esiste un momento per vivere, uno per raccontarmi, uno per rileggermi ed uno per sognare.
Ad ogni momento corrispondono emozioni forti e mutevoli stati d’animo. Non sto certo a misurare quanto mondo ci sia intorno a me per godere di tutto questo.
La cosa singolare è che in questi miei singolari stati d’animo si rileggono anche centinaia di affezionati lettori.
Forse questo spazio non è poi così stretto ! Ci si entra tutti comodamente.

Si inizia a parlare di te più o meno due anni fa, con due tavoli finali importanti. Ma cosa c’è nel tuo background e quando hai scoperto l’hold’em?
Seguivo il poker da diversi anni, ma non avevo mai giocato un torneo vero. Poi decisi di cominciare ed eccomi qui. Nella vita di chi non gioca sono presenti soltanto immagini e ricordi di partite viste. Io posso ritenermi fortunato di averle anche vissute e qualche volta, vinte.
Il motto del mio primo Main Event alle World Series era “Oggi sei qui, meritatelo!”

Attualmente hai un Hotel & SPA a Claviere. A parte il fatto di essere molto frequentato anche da colleghi poker players, lo consideri un pò l’habitat naturale per “l’orso”?
L’Hotel Bes è diventato col tempo la tana dell’orso. Era naturale che si trasformasse anche in un punto di riferimento per le vacanze invernali di quegli amici o colleghi con cui ho avuto modo di condividere le emozioni del poker in giro per il mondo.

Sei molto prolifico come scrittore/blogger. Ma che esperienza è per te scrivere?
Creatività e fantasia. Credo che soprattutto il mio carattere sia la variabile di valore alla base di quello che tu definisci “prolifico”.
Scrivendo cerco di trasferire ad altri la terapeutica immagine di un me stesso migliore.
Non è facile perchè una cosa è raccontare, un’altra cosa è raccontarsi.
Servono coraggio, grinta ed energia per scrivere e descrivere e riscrivere sempre.
Ma bisogna essere anche quel tipo di persona in costante ricerca di un proprio equilibrio. Come dire, sempre ad un passo da un baratro fatto di dubbi, eppure mai in bilico.
Scrivo e so che alla fine altri leggeranno quello che ho scritto.
C’è chi tiene le sue pagine chiuse a chiave in un cassetto e lì le lascia per sempre. Scelta legittima ma credo che sia molto più utile aprirlo quel cassetto.

Non so…ricerca, abitudine, necessità magari!Riusciresti a grindare con una simile regolarità?
Al tempo sono stato un trader privato e per oltre 5 anni l’attività svolta per il fondo hedge iniziava dalle 8 di mattina (con sveglia alle 6:30 circa) fino alle 22 (al netto delle dovute e necessarie pause).
Ero quotidianamente sui mercati di mezzo mondo in modo spietatamente attivo ed assorbente, tanto che la sera spesso finivo con il portatile a letto. Grindare non mi spaventa di certo, ma al momento non la considero una necessità, nè tanto meno una priorità. Il tutto si ridurrebbe ad una mera questione economica. Non si grinda per passione, lo si fa solo per denaro.

Scherzi a parte…giochi online? O per te il poker è un’esperienza squisitamente “vis a vis”?Come analizzi il tuo gioco? Utilizzi software o anche qui meglio le dita, una tastiera e un foglio bianco?
Il poker live è ragione e sensibilità. Il poker online automatismo e disciplina. Si tratta di giochi diversi giocati da giocatori con differenti peculiarità.
Nel poker online è come nella vita, quando la fretta ti costringe ad agire e non c’è tempo di ragionare. Servono software e schemi soprattutto se si gioca su più tavoli. Non credo di essere un forte giocatore online, però mi diverte giocare soprattutto affiancando giocatori meno esperti. Ne faccio una mera questione didattica.
Nel poker live ho invece tutto il tempo per ragionare su ciò che è possibile, impossibile o necessario fare. Si studiano gli avversari. Servono memoria e spirito di osservazione. Un pizzico di esperienza, un po’ di fortuna, tanta pazienza ed il gioco è fatto. Questo è quello che si avvicina di più ad una passione.

C’è un collega player che stimi più di altri? E così per gioco, se si potesse, c’è una qualità che ruberesti a qualcuno per farla tua? Se sì, cosa e a chi?
Parto sempre dal presupposto ci sia sempre un “qualcosa” da imparare da tutti. Io, in attesa di migliorare, mi tengo ben strette le mie imperfezioni.
Citare un giocatore in particolare sarebbe da parte mia poco elegante e forse inutile. Sappiamo tutti che il giocatore perfetto è quello fortunato.
Farei mia questa qualità.

Ti abbiamo visto uscire da tornei con monoout contro, eppure nelle foto hai sempre un’espressione serena e sorridente. Fingi bene o davvero non tilti mai?
E’ un gioco di carte e lo considero tale anche quando le cose non vanno per il verso giusto. Non può essere una vittoria a farmi sentire migliore di quello che sono. Tantomeno una sconfitta, seppur beffarda, potrà mai togliermi un briciolo della mia autostima.
L’espressione serena ed il sorriso sono solo una mera questione di signorilità.

Hai avuto un’esperienza da pro sponsorizzato con Goalwin. Ora cosa bolle nel pentolone dell’orso? (rispondi obv solo se vuoi e puoi ;))
Devo ringraziare la famiglia Merighi e il manager Francesco Pivetta per avermi dato quella possibilità. Purtroppo non si è riusciti a dare un seguito all’avventura, ma rimangono comunque buonissimi ricordi e qualche ottimo risultato ancora ben visibile in bacheca.
Cosa bolle in pentola? Visto che è l’ultima domanda ti risponderò alla maniera dell’orso. Con filosofia.
“Non c’è una via di mezzo. Esistono solo strade, alcune le percorriamo, altre no.
C’è sempre un qualcosa per cui valga la pena lottare e visto che lo abbiamo fatto fino ad ora, non vedo perchè non farlo anche domani.”
Ho detto tutto.
Un abbraccio ed un saluto affettuoso.

di Domenico Gioffrè – Assopoker.it

Lettera a Giulio Golia

29 settembre 2010

Caro Giulio,
volevo scrivere sulla tua bacheca ma lo spazio non è così generoso, così ti dedico una nota un po’ diversa da quelle che sono solito pubblicare.
Ho visto anche io il servizio sul poker andato in onda nell’ultima puntata de “le Iene”. Un montaggio veloce e d’impatto come sei solito d’altronde presentare i tuoi servizi.
Un bel personaggio buttato in copertina.
Un po’ di clamore.
E tanto, tanto, tanto colpevole pressappochismo. Almeno in questo caso.
Scusami se puoi il tono confidenziale, ma credo che l’oggetto del servizio dovesse essere la “Sindrome da gioco compulsivo” , mentre si è arbrariamente andati contro il “Poker da Torneo” ed i suoi protagonisti, disegnando contorni inquietanti e contorti di una realtà che, evidentemente, credo tu conosca davvero poco.
Ti spiego.
La sindrome da gioco compulsivo è una vera e propria patologia, riconosciuta a livello psicologico, ma non a livello medico e sembra, a questo punto, anche mediatico. Un disturbo mentale maladattivo equilvalente ad altre forme di dipendenza psicologica come lo shopping compulsivo.
Posso dire di aver conosciuto una signora fissata con le caramelle, ne comprava quantitativi industriali senza peraltro mangiarle. Ogni scusa era buona per uscire ed acquistarne. Quintali di caramelle stipate in ogni angolo della casa, in automobile, in garage. Vogliamo fare un bel servizio sulla signora e colpevolizzare chi produce caramelle di avere, in qualche modo, favoreggiato il disagio mentale della signora?
Si tratta di caramelle, ma potevano essere banane, carciofi, bambole o centrifughe termozeta.
Dico io. Ma di cosa stiamo parlando?
Per molteplicità di dettagli il poker da torneo si avvicina molto al gioco degli scacchi.
Una meravigliosa sfida tra esseri umani che si misurano a colpi di disciplina, logica, tattica, statistica e perchè no anche resistenza fisica.
Ore ed ore passate intorno ad un tavolo.
Cercando di rimanere concentrato più del tuo avversario.
Cercando di limitare le distrazioni, gli errori, portando al limite la propria soglia di attenzione e di sopportazione quando una mano non gira come la statistica vorrebbe.
Su una cosa ti do ragione.
Il poker da torneo giocato a certi livelli non è per tutti e sicuramente non ci si improvvisa giocatori alla domenica.
Ci sono testi da studiare ed esperienze da fare. Un percorso lungo attraverso il quale misurare e migliorare le proprie competenze ed abilità.
E’ vero. Si vincono soldi. Ma anche in un torneo di scacchi il vincitore riceve un premio in denaro e stai certo che una potenziale vittima da “sindrome del gioco compulsivo” non discriminerebbe certo di dilapidare un patrimonio giocando a scacchi.
Certo la casistica parla di un numero maggiore di soggetti nel mondo del poker, ma allora andiamo in fondo alla cosa.
Rispetto al lotto, al super-enalotto, ai gratta e vinci, alla roulette o alle scommesse sull’ippica o su qualsivoglia evento, il poker da torneo può davvero porsi in cima alla classifica nella statistica dei casi?
Con quel tuo servizio, tra l’altro seguitissimo, hai demonizzato una categoria di giocatori ed appassionati di questo gioco perdendo di vista l’obiettivo. Quello di spingere la medicina a riconoscere una volta per tutte questa patologia trattandola analogamente al problema delle tossicodipendenze.
Sappiamo entrambi quanto sia impensabile intervenire sulla “sindrome da gioco compulsivo” in ottica squisitamente proibizionista, visto che le entrate per il gioco del lotto ed affini costituiscono una vera e propria forma di tassazione parallela in Italia.
Quanti soldi entrano ed entreranno ancora nelle casse dello stato?
Quanti italiani verranno folgorati dall’illusoria convinzione di poter agguantare l’ultimo jackpot al super-enalotto?
Nel prossimo servizio cerca di curare i dettagli studiando a fondo la materia.
Ti invito ad approfondire l’argomento leggendo il “Trattato completo degli abusi e delle dipendenze” vol 1 e 2 di Umberto Nizzoli, tra l’altro disponibile su google libri, o i temi trattati dallo psicologo Custer, l’uomo che identifica e spiega , da un punto di vista psicologico, le caratteristiche delle sei diverse tipologie di giocatore di poker.
Chiudo con una frase di Custer “La dipendenza da gioco va sempre inquadrata in rapporto alla soggettività del giocatore, alla sua struttura di personalità, alla sua storia affettiva, alle relazioni interpersonali significative ed alla fase del proprio ciclo di vita”.
Insomma, non risolvi certo il problema delle dipendenze con un semplice “Fate attenzione ragazzi!” spiattellato alla tv in fascia protetta.
Tanto ti dovevo.
Gianluca “The Bear” Marcucci

Vincenti battiti di cuore

27 aprile 2010


Spero che un buon numero di internautamici capiti qui sopra oggi…

Questa è la dedica a tutti loro…
Una pagina da inserire nel libro che non ho mai scritto, ma che ormai mi sento quasi in devastante dovere di fare.
Battiti di cuore…
Una notte per vincere…
Una notte per festeggiare…
Una notte per essere confusi…
Una notte per partire…
Sotto l’effetto divinanemte analcolico di un chinotto Neri, la mia mente si trasforma in una arrugginita lama di rasoio che stamattina non sarebbe nemmeno in grado di farmi la barba…
Avevano fatto una promessa..
L’hanno mantenuta…
Alla fine di un count down fatto di scelte, la notte si trasforma in un pulsante da premere a quattro mani…
“Chi ha vinto la classifica per l’IPT Awards grazie ai voti di tutti i suoi splendidi amici?”
“Gianluca Marcucci”
“E’ la tua risposta definitiva?”
“Si”
“L’accendiamo?”
“Certo… ma a fuoco lento… o la soddisfazione rischia di scuocere…”

Un’altra notte magica fugge via in fretta lasciandosi dietro il retrogusto di milioni di cose da fare… In un istante breve, ma elegantemente intenso, torno a condividere le centinaia di battiti di cuore delle tante persone che mi vogliono bene…
Vorrei ringraziarle proprio tutte stringendo loro la mano…
Grazie di cuore…
Grazie infinite…
Ragazzi… abbiamo stravinto…

Berlino

2 aprile 2010


Fossi rimasto ancora qualche secondo seduto al tavolo credo sarei sprofondato..
Sono passate 24 ore e lo sfocato ricordo di quella storta ultima mano muta.. sfuma.. e rimane solo la consapevolezza di quel “quanto” fatto di buono..
Oggi è un intermezzo di tranquillità e l’orso è preso dal tentativo di rimettere tutto a fuoco per continuare..
Qualcosa però si perde sempre dentro le cose.. ed è già una vittoria sul mondo quella di trascinarsi fino alla prossima occasione da sfruttare..
Fuori di me qualcuno mi sta chiedendo di pareggiare il conto con la sorte..
C’è sempre una sorte avversa che, sotto le mentite spoglie di un ausiliare del traffico, arriva silenziosa e fulminea e ti si piazza sul cruscotto come una multa per divieto di sosta..
Ti accorgi subito che al tavolo non puoi più stare.. ed il tuo pensiero principe è..
“Riusciranno oggi i miei 2 assi a scoppiare la coppia del mio avversario?”
“Sempre che l’avversario abbia una coppia da giocare..”

Ieri ripercorrevo con Max alcuni passaggi importanti delle ultime eliminazioni:

EPT Budapest 2009 main event: AA vs A2
scala colore al river

World Series of Poker 2009 main event ultimo livello del day2: AA vs KK
colore in quarta con K di cuori

World Series of Poker 2009 side event prima mano: AA vs KK
Poker di K al flop ed asso beffardo al river

Partouche Poker Tour 2009: AA vs 55
full di 5 con i 6 al flop

Copenhagen EPT 2010: AA vs KJ
Colore runner runner

IPT Sanremo day3 2010: AA vs KK
Tris di K al Flop

Certo..
Da tutte queste mani sono uscito svuotato e sfinito.. ed anche ieri la prima cosa è stata correre in camera e distendermi sul letto nel tentativo di riprendere un briciolo della mia demolita personalità..
Ma non mi sento affatto sfortunato.. solo in credito con la sorte..
Tra le macerie della mia prostituita voglia di vincere ho così recuperato almeno la consapevolezza di essere un ottimo giocatore.. Ho raccolto quel sogno che nei momenti di abbondanza avevo lasciato imputridire tra i denti e ne ho fatto il pane di cui saziarmi ancora..
Cosa mi insegna tutto questo?
Niente che abbia a che fare con il gioco..
Ho la crescente consapevolezza di non essere solo e so che alla fine c’è sempre e comunque una via da prendere che porta fuori dal tunnel..
Le delusioni sono piccoli ed inservibili buchi.. giustificazioni nelle quali rifugiarsi nei giorni oscuri..
La folle ed inutile paura di non riuscire li fa apparire come comode e lussuose regge, ed intanto la voglia di riscatto se ne muore di solitudine..
No..
Così non ci sto..
Andiamo a Berlino a riprenderci quello che ci spetta di diritto..
La dignità..
“Quando so di aver giocato bene.. quando sono cosciente di aver dato a tutte le cose il giusto peso.. potrò alla fine anche non vincere.. ma non riesco a sentirmi secondo.. a nessuno..”
Parola di orso!!

commenta sul forum
Commenta questo post sul Forum

Copenaghen

13 marzo 2010


Stamattina svuoto la testa per meglio capire cosa rimetterci dentro..
Decine di pensieri invisibili finiscono disordinatamente sul pavimento della mia stanza per fare posto ad una sola ed unica emozione..
Spero che Riccardo non inciampi camminando in tutto questo mio disordine mentale..
Ci sono diversi gradi di realtà e non saprei dire con precisione a quale livello corrisponda il mio stato attuale..
Le idee boccheggiano in una boscaglia di pensieri ingialliti e come foglie secche si accatastano nelle piazze vuote della memoria..
A Copenhagen ci sono già stato lo scorso anno.. ed anche allora sulle pareti della mia stanza al Radissons era appesa una improbabile immagine dai lineamenti della Venere di Botticelli..
Forse le hanno arredate tutte uguali.. o forse si tratta della stessa stanza.. Non saprei..
Oggi come allora nevica..
Mi butto in tutto questo spazio lasciato opportunamente vuoto da ogni dubbio e creo una realtà nuova fatta traguardi lasciati in sospeso..
Quali sono le cose che devo e quali quelle che posso fare oggi..
Nella vita non credo esistano traguardi in eccesso.. basta quindi trovare il giusto modo per affrontare con ordine tutti questi obiettivi lasciati distrattamente in sospeso..
Ci vuole disciplina e carattere..
Stamattina sento uno spietato bisogno di accartocciare questo foglio di emozioni, come facevo un tempo con la brutta copia di un compito in classe di italiano..
Sono ancora quello studente che incosciente tirava pallette di carta nel vano tentativo di centrare un bidello da 30 metri.. e ci riusciva..
Cosa potrei temere quindi?
Raccolgo senza fretta i miei pensieri migliori ancora sparsi sul pavimento..
Oggi verranno prese centinaia di decisioni nell’arco di un tempo che definire breve è puro eufemismo.. e dovranno essere tutte scelte giuste..
D’altronde si vince così..
Senza sbagliare..
Lascio che sia la forza della disciplina a scontrarsi con la fortuna..
Tra poche ore si inizia..
Ed io sono opportunamente e semplicemente.. pronto..

commenta sul forum
Commenta questo post sul Forum

Quando si diventa grandi

5 marzo 2010


Stamattina il mio delirante obiettivo è rimettere un po’ in ordine alcuni ricordi, nella speranza di fare un po’ di opportuna chiarezza nel mio passato..
Tra le pareti della mia coscenza c’è una vecchia scrivania che conserva dubbi e pensieri lasciati da sempre in spontaneo disordine..
Ci sono riposti tutti i momenti legati ad un passato recente e lontano.. le immagini.. le storie.. gli articoli.. i post mattutini e tutti i testi delle canzoni più belle della mia vita..
Sposto una pila di ricordi e ne scivola via uno.. “I didn’t know” dei Phd..
Fù mio primo lento ad un festa di compleanno e lo ballai con una ragazzina stupenda, Francesca Badia.. Dovevamo avere intorno ai 13 o 14 anni.. eppure sembra ieri..
Quanti mucchi di appunti inchiostrati e pensieri abbozzati, ma mai definitivamente conclusi.. E’ inquietante come tutto appaia prudentemente in disordine.. eppure opportunamente al suo posto..
Incompleto..
Apro il cassetto e ritrovo bozze di decisioni affrettate e mille istantanee di scelte sbagliate.. Ma dai.. c’è anche una vecchia foto che mi ritrae con Erik Cantona.. Questo si che è un bel ricordo.. E chi se la rammentava quella stoica partita di beach soccer..
Questo disordine comincia ad assumere i contorni della logicità.. Tra i tanti pensieri di carta ritrovo gli oggetti soliti della mia esistenza: un cellulare Nokia scarico.. il doppione delle chiavi della macchina.. una bottiglia di chinotto Neri.. la fede nuziale.. un paio di occhiali Ray Ban ed un portafogli della Timberland in nappa..
Sulla fede c’è ancora scritta la data del matrimonio.. 4.7.1999.. I nomi però sono sbiaditi..
Vado avanti nella mia paziente esplorazione mentre i dubbi si fanno avanti.. li sento bisbigliare con rispetto..
Forse è il momento di tornare di corsa alla realtà.. Accenno uno scatto.. mi scoppiano subito i polpacci e per correre devo far ricorso a tutta la mia rabbia..
Rientro nella abituale quotidianità e trovo la colazione pronta in tavola..
Prendo un bombolone e mi chiedo quante siano in fondo le banali cose che potrei fare semplicemente.. senza pensare..
Allacciarmi le scarpe.. aprire il frigo.. spengere la luce all’ingresso o zuccherare il cappuccino..
Ma no.. io voglio esserci sempre.. anche nelle cose apparentemente più meccaniche..
Il giorno del mio quarantesimo compleanno Niki mi ha fatto una domanda ben precisa..
“Papà ma quando si denta grandi?”
Quando.. quando..
Credevo di essere cresciuto il giorno che i miei giocattoli hanno smesso di parlare..
In realtà è solo scoprendo di poter dialogare con me stesso che sono diventato grande..

“Niki si diventa grandi il giorno in cui smettiamo di chiedercelo..!”
“Tra 5 anni allora papa’?”
“Chissà.. Forse si amore mio! Magari anche tra 5 anni, ora però abbraccia fortissimo il tuo papà..”

Il sole di oggi accende il buon umore.. era ora..

commenta sul forum
Commenta questo post sul Forum

Ciò che le carte non dicono.. Chi sono io?

11 febbraio 2010

Chi sono io?
Dimmi…
Chi sono io?
Con questa mia assurda maschera.
Un manichino da spogliare e rivestire come vuoi.
Il deserto immenso dentro al cuore mi ha insegnato solo a fingere.
Non c’è via d’uscita. È un grande gioco che non cambia mai.
Cos’è il domani senza la tua identità?Perché fuggire se non ho sbagliato mai?
Vincere o cadere. Non c’è altro. Tutto il resto sembra inutile.
La mia differenza è una condanna in questa vita che chiamiamo realtà.
Guardo il mio scorrere lento tra le rughe del tempo privo di felicità

Senti, senti, senti la notte. È anche dentro le vene e in fondo all’anima.

Chi sono io?
Chi sono io?
e soprattutto cosa vuoi che sia?
Sono un pagliaccio, un santo, o un simpatico Pierrot?
Con indifferenza rido, piango, mi trasformo. Mi basta un attimo.
Basta un’altra maschera e una cravatta per nascondere la mia verità

Sogno una gita sul mare
e mia madre cantava soltanto per me
Sento quel azzurro infinito
quello stare tra braccia che capivo solo io.
Grido a quell’uomo allo specchio: ”
sei un riflesso distorto, tu sei l’assurdità”
Vinco e perdo. Io mi ritrovo indifeso
stretto tra la mia faccia e la sua immagine

Senti, senti, senti la notte è anche dentro le vene e non c’è luce in fondo.

La giostra equestre

27 gennaio 2010

Interagire… Realizzare… Crescere…
Nella testa tutto è possibile e il conto delle cose che posso fare nei prossimi 11 giorni diventa una mera questione di calcolo.
Volontà, moltiplicata per il tempo necessario, il tutto diviso il numero di possibilità che mi da la vita. Una formuletta mica male.

Stamattina vivo l’ordinato caos di una mente iperproduttiva e questo credo sarà sufficiente a tenermi occupato per l’intera giornata.
Ho disinnescato la sveglia trenta secondi prima del segnale acustico. Nessuna giornata potrebbe iniziare meglio.

Vivo a pieni giri un insieme di rapporti che interagiscono tra loro e non c’è davvero il tempo per curare un rapporto alla volta. Spesso non c’è nemmeno il tempo di fare la barba, tagliare i capelli o guardarsi di sfuggita allo specchio.

Discussioni…
Si può discutere su tutto, non certo sulle funzioni del sole o del colore della luna.
Il mio vivere sembra fatto di cose semplici e banali, ma non sono così banali, nè tantomeno così semplici. A volte mi sento il guardiano di un faro alle bocche di un porto dove non approda mai nessuno, ma questo non vuol dire che quel faro non abbia comunque una collocazione importante, o che quel molo sia abbandonato.

C’è sempre quel faro che indica la strada giusta da seguire e per ogni imbarcazione che passa indenne una leggera euforia facilita il mio compito di dimenticare i dubbi della quotidianità.

Un senso di meravigliosa mediocrità mi pervade.
La sensazione di non potercela fare.
La voglia di scappare via e nascondermi tra le pagine di un libro che non ho mai scritto.
Oggi la realtà si risolve in qualcosa di meglio dell’idea della realtà stessa.

Io sono quel sole ed allo stesso tempo quella luna che tu ti ostini ad ignorare.
Io sono molto meglio della parte giusta del meglio.
Sono l’indiscusso guardiano del faro che illumina qualcosa di più della mia stessa vita.
Ma questo forse ancora non ti è chiaro.

Ho più volte affrontato quel processo in cui io stesso ricopro la parte di giudice, di accusato, della pubblica opinione e della giuria, eppure ne disconosco ancora il verdetto…
Ma questo è un altro discorso.
Adesso ho voglia di chiudere gli occhi sul troppo e concentrarmi sul necessario.

Troppa realtà…
Odio la realtà perché non posso guardarla ad occhi chiusi.
Mi tengo quindi ben stretta questa spietata sensazione di aver vissuto fino ad oggi una vita fatta di sogni e raccolgo le schegge di una caccia al tesoro che dura da oltre 40 anni.

Paradossale…
La mia storia somiglia tanto ad una circonferenza dove tutto ritorna.
Mi guardo intorno e scopro che qui ci sono sicuramente già stato e forse questo mio viaggio ha da sempre come meta lo stesso punto di partenza.

La vita come una sorta di giostra equestre, dove ogni tanto il destino è in pausa caffè e non può certo guardarmi mentre afferro ciò che voglio.
Posso mancare la presa, ma so comunque che capiterà di nuovo ed avrò ancora una fottuta occasione.

L’ora zero

25 gennaio 2010

Stamattina faccio più fatica del solito ed anche alzarsi dal letto sembra diventare una impresa ciclopica..
Eccola lì la sveglia.. ferma.. immobile.. indifferente.. Segna le sette in punto.. Cerca di farsi notare in qualche modo, ma io faccio il finto offeso e continuo a non darle corda..
Una volta mi regalarono una sveglia fantastica a forma di galletto amburghese.. Morbida.. La mattina emetteva un fastidioso chicchirichì, ma tirandola contro il muro si interrompeva immediatamente..
Geniale..
Quella attuale invece non gioca e si limita ad eseguire gli ordini.. Come un marines holliwoodiano, recita il suo ruolo fino in fondo.. Ed alla fine mi faccio convincere anche io..
Sono finalmente in piedi..
Guardo attraverso il vetro della mia finestra ed ascolto l’apparente tranquillità del paesaggio montano..
C’è il monte Janus.. vecchio.. antico.. assurdo.. Anche lui è fatto prigioniero dal mio sguardo mattutino..
Prigioniero.. Forse prigioniero no, troppo forte come parola..
Ammiro una montagna innevata e continuo a pensare al tempo che scorre.. Non è da me fare ostaggi.. soprattutto a quest’ora..
Lei non c’entra.. È una questione solo mia.. Della mia mente..
Se chiudo gli occhi spariscono i paesaggi.. scompare la sveglia.. sbiadiscono i colori.. Eppure tutto rimane esattamente al proprio posto..
Chissà per chi.. Chissà perché, poi..
Sono le sette e mezza.. Le otto.. Le nove..
E lo zero? Non é un ora.. Non esiste.. Non conta.. ma qualcosa succede sempre quando penso allo zero..

L’ora zero arriva per tutti prima o poi..
Difficile solo settare la sveglia per alzarsi in tempo e curiosare dalla finestra..
Come direbbe Massimo Troisi:
“Ricordati che devi morire..”
“Ah si?”
“Adesso me lo segno.. Non ti preoccupare..”

Genio..

Esco alla ricerca di un bombolone caldo..

Cala il sipario su Venezia

20 gennaio 2010

Sono serate come quella appena trascorsa che riescono ad imprimermi le più dissordanti emozioni..
Un caro amico che subisce una grave perdita in famiglia.. e poi due colpi devastanti di Bonavena al tavolo finale che trasformano il mio ruolo da protagonista in una istantanea griffata “settimo posto”..
Voglio bene a Salvatore.. E’ un solido giocatore, capace di foldare preflop anche i KK se la situazione lo richiede.. Conosco davvero poche persone in grado di farlo..!
Stamattina ho già in mente la favola giusta da raccontare a mia figlia.. E’ la storia di un orsetto reso disilluso dalla sua stessa fortuna, che torna a casa dopo aver lottato fino alla fine e lo fa comunque da vincente.. pur non avendo vinto nulla..
Ogni persona in grado di mantenere il proprio sorriso in ogni occasione deve potersi considerare vincente..
E’ questo che mi ha insegnato la vita ed è questo che cerco di trasmettere a Nicoletta.. la mia unica.. grande ed impareggiabile vittoria..
Un saluto a tutti dall’orsetto !!!

commenta sul forum
Commenta questo post sul Forum

La ricetta del campione

18 gennaio 2010

Non mi pongo mai un obiettivo che non sia in grado di raggiungere.. E’ una questione di buonsenso ed autosufficienza..
Stamattina è l’eco di una canzone di Luca Dirisio a monopolizzare i miei pensieri..
Accendo la tv nella mia stanza in hotel ed é incredibile.. su MTV sta passando lo stesso brano..
La probabilità che questo possa succedere è una su centomila.. la stessa percentuale di andare, che so, in vacanza ad Haiti e trovarsi nel bel mezzo di un terremoto catastrofico..
Cambio canale e lo spettacolo è servito dai vari tg.. Vedo bambini impolverati uscire miracolati dalle macerie.. Molti però non ce la fanno.. E’ devastante tutto ciò..
Sono contento di aver raggiunto questo tavolo finale, ma anche spaventato..
Quando vedo persone soffrire non sono più me stesso.. Mi ammalo di malinconia e non guarisco più..
Credo che tutti abbiano il diritto di sorridere..
Oggi anche un neonato avrebbe più controllo di me sulle sue funzioni primarie..
Chiudo gli occhi e cerco di riprendere possesso dei miei pensieri elaborando piani di fuga molto complicati..
Torno alla realtá.. Alla finale di oggi.. Ai miei avversari..
Penso come loro.. vedo quello che vedono.. sono abili, ma a volte prevedibili..
Castelluccio è un giocatore spietato.. pericoloso.. L’ho osservato per gran parte del day3.. E’ la cosa che so fare meglio.. Osservare..
Lineare e diretto.. Un calcolatore.. Gioca un gran numero di mani e lo fa senza lasciare niente al caso..
Se il chip leader non lo attacca subito sarà un problema per noi che siamo in debito di chips..
Inutile.. Non riesco a concentrarmi..
Ogni aggettivo che penso corre in cerca del suo sinonimo, ed è un difetto..
C’è una nube che aleggia sopra il contenuto dei miei pensieri e su ognuno di questi è impressa una etichetta che ne dichiara il prezzo..
Il sorriso di un bambino è l’unico mio pensiero senza un valore dichiarato..
Oggi i dubbi scorrono come un fiume in piena ed anche se credo di poterne arginare il corso so che dovrò comunque faticare..
Torno nel passato alle aule che occupavo da ragazzo nel doposcuola.. Raccolgo un frammento di gessetto bianco.. scrivo stampatello sulla lavagna il mio nome e cognome ed ancora una volta mi ricordo chi sono..
Oggi un uomo ossessionato da tutte le ossessioni che non ha, si trasforma magicamente in un sognatore.. Un esploratore dell’animo umano che, a piccoli passi, cerca solo di non finire con la testa in una pozzanghera di paradossi per non bagnarsi i pensieri..
Così vado avanti.. Ogni tanto però mi copro ancora il volto per non vedere cosa succede intorno..

Granitiche consapevolezze

18 gennaio 2010

Il poker somiglia ad un linguaggio che si può affinare, come tutti i linguaggi, solamente con la pratica..
Con il tempo se ne acquisiscono costrutti sempre più complessi ed aumentano la quantità di “storie” e di sfumature di “storie” che possono essere interpretate e raccontate..
Ieri ho passato minuti interminabili a studiare tutte le impercettibili contrazioni dei muscoli del viso dei miei avversari..
Non ho lasciato nulla al caso e ad ogni mia parola apparentemente banale ho letto reazioni di impressionante fondatezza..
Microscopici frammenti di labbra serrate.. accenni di riso.. tutti presagi di un inquietante smarrimento che mi hanno dato granitiche consapevolezze nei momenti cruciali del torneo..
All’inizio giochi senza assolute certezze, se non quella di esserci.. Poi il tempo passa.. Interpreti il linguaggio dei giocatori al tuo tavolo e tutto si fa progressivamente più assoluto..
Rimane solo l’attimo per un fotogramma prima di scendere di nuovo in campo..
Ad ogni persona è concessa la possibiltà di scegliere ed oggi verranno prese decisioni importanti.. Nel poker, ma più in generale anche nella vita, arriva il momento in cui sono i dettagli a fare la differenza.. Non ci sono più margini di manovra.. Sei dentro o te ne rimani fuori..
Sono gli acuti del gioco..
Ho visto persone superate dalla vita continuare a correre.. lacerarsi per lo sforzo e riprendersi tutto quello che la vita stessa gli aveva tolto..
Ho visto scomposte nuvole di polvere alzarsi e fallire nel vano tentativo di trasformarsi in solide montagne..
Per ogni azione due sole conseguenze vuote di qualsiasi significato oltre quello letterale.. Vincere o Perdere..!
Immaginate con me una macchina da presa che possa immortalare l’attimo in cui verrà fatta la scelta giusta..
Ora non rimane che filmare e scegliere un soggetto giusto..
Tutti pronti..? Ok..
Ciak ! Si gira.. Azione..


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: