Il baricentro

Si erano guardati così. Per qualche istante. Era accaduto tra i vagoni. Alla stazione.

In mezzo alla gente che arrivava. Che partiva. Che chiacchierava. Ai margini di un fiume di persone in piena che spingeva.

Forse li separava una destinazione differente, o un universo di diversi significati. Si, ma quali?

Eppure si erano davvero guardati e Alice era sembrata bellissima. Ma qui non era certo in gioco il suo aspetto.

Quando Jep la notò, pensò a una cosa scioccante. Pensò che a pochi passi dalla stazione di Bergamo. Tra le strade. I negozi. Le insegne vintage degli spacci a metà prezzo.

Tra i pulmini che portano a città alta. I taxi bianchi e i venditori di borse farlocche sul bordo della piazza. Cosa ci stava a fare una purezza come quella?

Per un istante Jep ebbe poi chiaro il significato delle parole “fuori contesto”. Ed ecco cosa mancava alla sua riflessione, e chissà a quante altre. Il contesto.

La variabile della storia che nessuno avevo isolato. Io. Lui. Lei. Le persone intorno. Il tempo. Il luogo. È solo il contesto che fornisce il significato di ogni dettaglio importante.

Se sei fuori contesto sei fuori senso. E se non sai volare, che te ne fai di un cielo immenso e limpido.

Un posto che Jep aveva inaspettatamente trovato in quegli occhi di donna. Ai margini di un contesto sbagliato, ma a pochi passi dal baricentro di tutto il suo pensiero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: