È più bello non esserci

Tante, troppe persone mi hanno chiesto: “è successo qualcosa? Perché non sei più su facebook?”

Chiariamo, non sto male ringraziando il cielo e anche la terra. Non devo soldi, o tempo, a nessuno. Mentre non nutro dubbi sul contrario. E no, non mi hanno bloccato l’account. 
Solo che a febbraio scorso ho sentito un irrefrenabile bisogno di desuetudine e ho cancellato il profilo. Quello privato perché non comunicava ciò che volevo. E quello pubblico, perché non sono Stephen King. E credetemi. È più interessante non esserci. Già, non esserci. Ma essere dove poi?  

Un tempo paragonai il social a una nauseabonda bettola di periferia, e non mi allontanai molto con la mia figura retorica dalla realtà. La vita è sempre in centro. E questo luogo virtuale ti allontana dalla vita vera. 

Tutto quell’insopportabile sapere “di tutto un po”” di ciò che fanno gli altri, che poi diventa fastidiosa abitudine. Guardare le loro foto. I loro aggiornamenti. Le loro frasi, il più delle volte copiate, riciclate e private della legittima paternità. 

Tutta quella demagogia spicciola, spolverata come il pecorino sulla pasta. Tutte quelle immagini filtrate e localizzate, appoggiate li per elemosinare consensi di ogni tipo. Tutte quella intolleranze gratuite spesso figlie di obiettivi mancati ed ego spietatamenti difettati. 

Alla fine diventava importante anche sapere dove, o con chi, avesse trascorso Ferragosto quella ragazza che frequentavi un tempo e che ora nemmeno saluti più. 

Non sono un commerciante di emozioni. E un luogo, virtualmente malfamato, dove persone svendono se stesse alle loro centinaia di contatti, come se a guardarle ci fosse tutta la popolazione al mondo, non fa per me. 
 
Perché alla fine anche se non ti interessa cadi lo stesso nel gap. Scorrendo. Leggendo. Giudicando. Entri in rete, ma in realtà rimani chiuso in una stanza virtuale. Una “echo chamber”. Una parola coniata a Londra che indica tutto ciò che è legato alle nostre scelte di visualizzazione in rete attraverso i social network. 

Certo, si. Le nostre scelte. 

Se non fosse che in questo processo interviene anche un algoritmo cosiddetto “amico”. Un programmino in grado di mettere in primo piano solo le informazioni giudicate più interessanti da chi il social lo gestisce. Un limbo di inutilità che inizia nell’home page di un social network e trova la sua massima espressione nelle applicazioni di uno smart phone. 

Ebbene, anche per questo motivo non ci sono più. Perché quella non è la rete. Non è libertà. Ed è più bello non esserci.

6 Risposte to “È più bello non esserci”

  1. alemarcotti Says:

    La foto con la Menabrea in primo piano… Hai vinto su tutto. Non ho mai avuto Facebook non per forma di snobismo ma volevo che le persone alle quali ero interessata e loro a me lo fossero e basta. Abbiamo i telefoni e se voglio sentire qualcuno lo chiamo non mi interessa tutto quello che fanno dalla mattina alla sera. E per loro vorrei fosse lo stesso. Certo, qualcuno lo vorrei controllare… Ma meglio stia alla larga anche dal controllare gente che se non è più nella mia vita è perché non ha voluto lei. Gli altri, quelli che si perdono perché abbiamo tutti una nostra vita, li tengo in un posto speciale del cuore.

    Liked by 1 persona

  2. ilbarbutoblog Says:

    Apprezzo molto quest’articolo e mi permetto (non per fare pubblicità al mio blog, ma per l’attinenza dell’argomento) di linkarti l’ultimo post che ho scritto in tema.
    http://ilbarbuto.blog/2017/08/04/uscite-dai-social/

    Liked by 1 persona

  3. Deneb Says:

    sei un grande Gianluca! Condivido pienamente la tua analisi e aggiungo che dovrebbero chiamarli con il nome giusto “dissocial network”. Bellissimo il post e soprattutto da prendere concretamente come esempio per costruirci un mondo migliore. Ti seguo da tempo e mi piace tutto ciò che scrivi. Un tuo fan 🙂

    Liked by 1 persona

  4. nonsolocampagna Says:

    Concordo pienamente. Quasi due anni fa aprii un account FB per creare delle Pagine con cui intendevo promuovere alcune iniziative e contenuti. Ci sono stata dentro per comprenderne i meccanismi ed alla fine ho concluso che all’inizio sembra di avere un orizzonte più vasto ma in realtà ci tengono dentro un pollaio dove non si possono, tra l’altro avere interazioni sensate, almeno non frequentemente. Ora mi serve stare in FB per promuovere il blog e se ne vale la pena, altrimenti chiudo tutto; tra l’altro il criterio con cui fanno girare i post lo conoscono solo loro di FB.

    Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: