Viste da fuori

In un’altra vita non me ne sarei nemmeno accorto. O forse ci avrei fatto caso, ma non sarebbe stato niente di più di ciò che è. Un dettaglio. Due persone all’interno di un’automobile parcheggiata. Sedute vicino. Adagiate sullo schienale, si mostrano l’un l’altra gli occhi. 

Le mani nelle mani. Le braccia incrociate. Viste da fuori sembrano un confuso schema araldico. Come due lance che simboleggiano battaglie combattute e ormai dimenticate. Non c’è desiderio di nobiltà alcuno, ne di un vessillo da tendere avanti. Il perdono non è il più fragile tra gli atti umanitari. E non è arbitrario come l’abbraccio che lo rappresenta. 

Passo a piedi accanto alla vettura. Sbircio sottocchio. Seguo il riflesso dello specchietto retrovisore. Un tempo questa era la mia automobile e c’è l’immagine confusa del mio volto in ogni singola parete riflettente. Un viso che non porta alcuna espressione, se non quella di un tempo che non esiste più.

4 Risposte to “Viste da fuori”

  1. Come parole di polvere Says:

    Commovente.

    Mi piace

  2. Iniziaaviaggiare Says:

    Bellissime parole

    Liked by 1 persona

  3. E. Says:

    Molto belle le tue parole.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: