Da qualche parte

Quanta marmorea compostezza. Quanta irrnunciabile spavalderia. E il tutto meravigliosamente sorretto soltanto da uno sguardo. Due occhi che confondono l’alba con un tramonto sul mare.
A volte nascondiamo i nostri scheletri nell’armadio, poi diamo due giri di chiave e impariamo a chiamarlo “destino”. Io la vita mi ostino ancora a descriverla così. Mettendo insieme parole, ma davvero non so come spiegarla. La fisica delle emozioni. Le meccaniche celesti. La filosofia dei ricordi. Non saprei. Eppure posso restare qui ore a scrivere solo della vita. Della mia. Delle persone a cui voglio piu bene. Di altre prese a caso, o chissà di chi. La vita, quella cosa che si pone tra due impalpabili nulla. Nessuna didascalia. Solo spietate evidenze. Stamattina avevo il crescente bisogno che rimanesse scritto da qualche parte.

  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: