A proposito

“Universo” è il nome del posto dove accadono tutte le cose. Nel mio di universo invece ne succedono solo alcune. Spariscono i calzini per esempio. Vanno fuori produzione le caramelle Rossana. Poi esistono anche universi dove le cose non accadono. Dove c’è bisogno di qualcuno che le faccia accadere. Mondi lontani fatti di lettere, dove qualcuno inventa storie e qualcun altro immagina che possano esistere davvero. C’è solo bisogno di un foglio elettronico. Una panchina. Qualche minuto. E una bella vista sul colonnato di piazza San Pietro, il sabato mattina. La carta e l’inchiostro sono la fantasia e la mia voglia di scrivere. Stamattina distribuisco porzioni di parole come i tranci immangiati di una vecchia torta nuziale. Guardo i volti delle persone che passano. Mi rivedo in qualche sguardo. Nel modo di camminare di certi soggetti un po’ strani. Poi una donna si ferma. Guarda suo figlio, lo rimprovera e alza il sopracciglio destro. Si era allontanato troppo. Sorrido. Sembrava una scena già vista. Io le chiamo asimmetrie della vita. Ieri sera mi hai detto che in certi momenti della mia esistenza sono stato sfortunato, ma non mi sento affatto così. Anzi, mi sento un privilegiato, perché in fondo mi è sempre stato concesso il tempo che a molte persone la vita stessa ha sottratto. Ed è il tempo che ho ancora da vivere a farmi capire quanto sia speciale tutto quello che sto vivendo, nel bene e nel male. E quindi? Quindi niente. Esistono procedimenti fisici che annullano le distanze e il tempo. Si chiamano emozioni. È bello provarne anche se qualche volta ti lasciano con gli occhi lucidi.
Oggi tiro fuori i pensieri dall’armadio uno alla volta, come fossero scheletri nascosti. Li distribuisco un po’ a caso su questo foglio elettronico. Come riempissi una valigia al rientro da un lungo viaggio. Velocemente. Senza un ordine definito. In fondo scrivere è il modo piu elegante che conosca per tenermi lontano dagli altri.
“La cartella é pronta?”
“Si papà! Certo. Farò attenzione quando attraverso, ma anche quando non attraverso la strada. Eviterò asteroidi e pallottole vaganti. Vedrai. Stavolta sarai orgoglioso di me.”
“A proposito. Auguri papà.”

  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: