Per sempre mai

Una volta siamo entrati al supermercato insieme io e Niki. Qualche minuto e poi come nelle migliori tradizioni ci siamo persi di vista. Mentre stavo scegliendo delle albicocche mi ha chiamato al cellulare. “Sto alla frutta” le ho risposto. Ho storto un po’ la bocca. Ho lasciato le albicocche e mi è volato davanti il film della mia vita. Non che ci sia una morale in tutto questo. Bisognerebbe solo recuperare un po’ di serenità. Che non vuol dire per forza ascoltarsi o frequentarsi, ma semplicemente accettare le cose. Perdersi, senza perdersi veramente. Non credo tu mi veda davvero come il mostro che ogni tanto hai descritto. Come non credo di poter essere una variabile soltanto positiva, anche nella mia versione migliore. Quella che comunque ha sempre mostrato una continua necessità di conferme. Però era così bello farti sorridere. Mi sono sbattuto e battuto spesso nella mia vita per quello che ritenevo importante. Tu lo sei stata più di ogni altra cosa. Ma le mie modalità, il più delle volte sbagliate, hanno generato conseguenze antipatiche. Non so quanto considerarla un pregio tutta questa illogica ostinazione. Direi che non lo è. Almeno negli affetti. Ed è stata probabilmente questa la mia responsabilità più grande. Il non rendermi mai conto della realtà. Sottostimare. Non accettare che potessi perdere quel valore che a un certo punto avevo considerato unico e raro. Avere paura del tempo che passava. Delle cose che non cambiavano. Ecco perché alla fine rimangono solo i mille errori commessi. Il mio sbattere ripetutamente il naso contro una vetrina, ignorando che a pochi metri ci fosse l’ingresso del negozio. Tutte quelle impronte sul vetro purtroppo non posso cancellarle con una passata di straccio. Magari il tempo le renderà meno evidenti lasciando spazio a qualche ricordo più sereno.
Le emozioni che mi hai fatto provare sono state tante e davvero forti. Scosse di terremoto seguite da infinite scosse di assestamento. Non mi era mai accaduto prima. Sinceramente non mi aspettavo nemmeno che potesse succedere. Ma è stato comunque un privilegio far parte della tua vita, anche se per un tratto così breve e in certi punti un po’ dissestato.
Oggi il cuore è finalmente libero di finire in pezzi. Forse in più pezzi di quanti servano a comporre un cuore. Ma posso accettarlo. Non mi sono mai sentito un uomo di poche parole, altrimenti sarebbe anche più facile. Frank Sinatra e Bertrand Russell concorderebbero con me che essere taciturni a volte paga. Ma la tecnologia e i social network non aiutano le persone sensibili. È un evo difficile per noi romantici. L’ignoranza forse sarebbe l’unica benedizione, perché a pensare si fatica tanto e si sbaglia troppo.
E io penso, penso, penso. A volte in condizioni in cui pensare non è nemmeno possibile. È pensando che mi sono sempre allontanato da te e da ogni possibile felicità almeno un miliardo di volte. Per riavvicinarmi poi in punta di dita. Ora non credo accadrà più. Anche se pensarti è stato ogni volta più bello e più dirompente. Magari eccessivo, ma comunque mai ovvio. Forse è una questione di alchimie. Forse è quella frazione di secondo che segue una parola giusta. Una corsa in un posto azzeccato. In luogo che non sai e che ti viene in mente solo correndo, mentre vai più veloce. Lo sai? Non ho mai trovato un partner giusto per il calzino. Credo ascolterò un po’ di musica ora. Anche se ho delle cuffiette vecchie che non garantiscono il volume giusto. Difficile coprire l’eco nella testa. Ho adorato i tuoi sorrisi. Il resto è stato come prendere una fetta biscottata con due dita per non sporcarsi. Ma vederla scivolare dalla mano per cadere dalla parte del dorso e non della Nutella. Restare un istante soddisfatto nel trovarla intatta, e poi accorgersi di averla comunque persa. Per sempre mai.

  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: