Il senso in più

Per quanto impegno tu riesca a metterci c’è sempre qualcosa che manca. A volte è un odore. Altre volte un sapore, un colore, oppure un suono. Magari anche un luogo e un tempo che in qualche modo li avevano racchiusi tutti. Molto più spesso a mancare però sono le persone. Quelle importanti. Quelle che ti convivono dentro. Quelle che ti lasciano i pensieri in equilibrio precario. Tutte immagini lontane. Attaccate a uno spazio di vita troppo sbiadito da descrivere. Ricordi senza luce. Eppure senza quei ricordi io mi sento dannatamente nudo. Addirittura orfano di quel buio che la notte mi chiude gli occhi e mi lascia le parole dentro. Per fortuna ci sono giorni in cui dimentico pure di aver dimenticato. E le immagini tornano a illuminarsi tra le righe di una pagina che si riempie da sola. Forse il vero “sesto senso” è conoscere a fondo gli altri cinque che si hanno già a disposizione. Anche se, a essere sincero, io dal lato oscuro della forza mi sarei fatto sedurre di sicuro per uno straccio di senso in più.

4 Risposte to “Il senso in più”

  1. passoinindia Says:

    si, mi piace. Un saluto.

    Mi piace

  2. passoinindia Says:

    e complimenti per il, libro.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: