Settecento

A volte mi appare chiaro quello che dovrei fare, ma poi la vita arriva e mi anticipa di un soffio.
C’è sempre qualcosa che non funziona quando parlo dell’amore. Ogni volta inizio che so esattamente cosa scrivere. Poi un secondo più tardi mi perdo in ciò che ho appena scritto. Forse amare è anche smettere di cercarsi. Allontanarsi in silenzio. Preferire la punteggiatura alle mille parole diverse da dire. Forse amare è non riuscire più a distinguere che cosa è giusto, da cosa è sbagliato. Che cosa è odio e che cosa invece è davvero amore. Forse amare è confondere un’ossessione con un rimpianto. E sapere che anche quando non esiste un futuro ti dannerai comunque l’anima rivivendo il passato. Perché amare è dimenticare il presente. Addormentarsi e sognare anche un solo minuto in più da trascorrere insieme. Forse amare è lasciarsi senza abbandonarsi. Affidarsi al tempo che dicono “farà il resto”. Ma il tempo invece se ne frega e aumenta solo l’età delle cose. Forse amare è starsene ogni tanto lì da soli a pensare, ad amare ciò che hai deciso di dimenticare. O forse amare è avere scritto ti amo. Ogni giorno. Per settecento giorni. Per settecento notti. E sapere che continuerai a farlo. Alzando ogni tanto gli occhi. Filtrando il cielo. Immaginando il sorriso di una donna incantevole riflesso nei colori della luna. E un uomo impaziente che continua a guardarla. Come fosse una favola da raccontare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: