Lei

Io che in questo diario virtuale ho sempre raccontato di me e dato oltre me. Io che ormai i pensieri li ho già asfaltati tutti a furia di percorrerli in su e in giù. Roba da fare impallidire per la perseveranza anche la penna di Kerouac.

Io che forse è arrivato il momento di dire addio alla scrittura, perché attraverso le parole non so più nemmeno come respirare.
“Volere” oggi occupa un posto diverso da “potere” nella scala dei verbi all’infinito, perché io è lei che voglio. Immersa nella sua incantevole introspezione.

Io che voglio lei e quel suo essere dolcemente indolente verso gli universi che non le appartengono. Che voglio un suo abbraccio per non lasciarlo scappare. I suoi occhi a custodire la mia anima. La sua delicatezza da accarezzare e le sue paure da trasformare.

Nel suo sguardo rivedo il bimbo che ero. Nelle sue mani la strada giusta da prendere. Io che voglio le notti che non ho mai avuto. Che voglio ascoltare il suo respiro chiuso tra le pareti di una stanza, o libero sotto un cielo stellato. Che voglio le sue mille riletture di me. E che mi farei pagine di un suo libro per lasciarmi accarezzare senza sosta.

Io che la voglio così intensamente e che le voglio bene al punto che so di dover rinunciare a lei. Per lasciarla dove in realtà vuole stare. Finalmente sorridente e a pochi passi dalla sua meritata serenità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: