La nostra più grande solitudine

Si può essere vicini. Si può essere nello stesso tempo, nello stesso emisfero, nella medesima città e addirittura nella stessa stanza. Ma tutto cambia il senso senza simultaneità. La simultaneità è una vibrazione empatica.

Due corde di pianoforte accordate sulla stessa nota vibrano nello stesso identico modo. Simultaneità è riuscire a percepirlo.

Ipotizziamo di essere seduti al bar con una persona che ci confida una cosa che ritiene molto importante. Ma supponiamo di capire e di realizzare veramente questa cosa solo diversi anni dopo.

Ebbene è in quel preciso attimo che siamo simultanei. È solo in quel maledetto istante che ci troviamo davvero seduti a quel tavolo. Solo e unicamente in quel momento di molti anni dopo.

Anche se la realtà fisica può essere variata nel tempo. Anche se l’altra persona potrebbe non esserci, o non riconoscerci nemmeno più.

Il piano della percezione è completamente diverso rispetto al piano fisico. E a volte un ritardo nel capire qualcosa di importante diventa il ritardo di tutta una vita. Un disallineamento del nostro essere. La nostra più grande solitudine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: