Tutto ha un senso

Ci sono pensieri fatti apposta “per” e pensieri “che non vorresti mai”. Parole che se ne stanno lì, in mezzo a tanti “non so che dire”. E a tutte quelle risposte che immagini risolutive, ma che invece non lo sono.

Certe incertezze hanno lo stesso odore nauseante della vodka finlandese. Quando ti riempiono il bicchiere fino all’orlo e non c’è più spazio per i cubetti di ghiaccio.

Stanotte ho riparato qualche stella. Recuperato una busta di buoni propositi. Poi ho iniziato un discorso con “c’era una volta”. Con la devastante consapevolezza di chi non ha mai saputo scrivere i suoi “lieto fine”.

Forse perché vivo con l’infantile necessità di stupirmi ancora. Quel malcelato bisogno di tracciare nuovi orizzonti, punti di vista e interessanti linee di fuga. 

O magari, solo perché non sono ancora le sette di mattina e avrei bisogno di disinnescare i pensieri con un altro caffè che abbia un senso. Del resto “tutto ha un senso solo nella testa di chi lo pensa”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: