La gestione dei ricordi 

Non potrei mai fare a meno della potenza metaforica delle parole. Soprattutto quelle che invitano al cambiamento. Quelle più o meno imposte dal buonsenso. Quelle la cui funzione specifica è contenere e proteggere. Arginare il cattivo umore in attesa che le scelte, le decisioni, il destino e la furia delle conseguenze dispieghino i loro effetti debordanti. O facciano semplicemente finta di niente. È acre l’odore della polvere di certe cantine buie. Laddove finiscono i sogni infranti. 

La “gestione dei ricordi” dovrebbe essere materia di studio a scuola. Quali sono le cose da ricordare? E quali quelle da dimenticare? Associo spesso alle figure retoriche la sorpresa della scoperta. E in certi casi la gioia della riscoperta. In ogni ossimoro c’è l’icona di un qualcosa di superiore. È la materializzazione della natura greca del mio universo. Un pessimismo cosmico dove non conta se tu sia un dio o un eroe, perché comunque arriverà un destino beffardo a impedirti di raggiungere l’obiettivo. A sancire la tua perfetta fallibilità.

La sfera è la mia forma geometrica preferita. Una figura senza lati. L’ottimismo è una sfera. La felicità è una sfera trasparente. Una bolla di sapone. L’ineluttabile invece ha una forma cubica. Spigolosa. E un inguardabile color tortora frutto dell’invenzione dell’uomo. La natura si è rifiutata di partorire un abominio del genere. Lei in fondo ha sempre una sua reputazione da difendere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: