Nemmeno tu

Non sono cresciuto. È solo accaduto che un giorno tutti i miei giocattoli hanno cessato di comunicare con me. È stato quando i miei sogni hanno iniziato a parlare. A interagire. A pretendere ascolto.

Ora tante altre cose mi parlano, ma io ho una forma diversa. Ho un altro peso. Mi impegno più a fare il morto a galla che a correre a perdifiato. Ho un alibi di ferro. Ho altri abiti. Più colorati. Arlecchino per i giorni di sole e Pulcinella per le serate importanti. 

Oggi tutto quello che non dura è solo uno scherzo col mantello. Ma almeno non mi annoio più. Penso “in fondo non me ne frega niente”. Sorrido e faccio scivolare frammenti di sogni sotto uno zerbino. Poi penso ancora e mi dico, “sbaglio bene, sbaglio da dio. E questo nessuno me lo potrà mai portare via. Nemmeno tu…”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: