I miei anni

Uno specchio non parla, eppure riesce a dirti tutto. Che ti piaccia, o no, questa è la tua faccia. Truccata. Sbattuta. Stanca. Che ti piaccia, o no, queste sono le tue espressioni. Le tue maschere. 

Davanti a uno specchio io sono protagonista e pubblico. Io sono tutti i dubbi, fino all’ultima certezza. Alzo un sopracciglio. Strizzo l’occhio. Sorrido. Improvviso l’effetto che desidero. Scorciatoie. Aggettivi. Trucchi.

Peccato, perché alla fine quella ruga si vede lo stesso. Quel ricordo non cambia. E quello che deve essere stento comunque a vederlo.

Allora chiedo al futuro di darmi il tempo necessario. Quanto basta per guardarmi con occhi diversi. Per continuare a esistere senza paura.

Un giorno il tempo si vendicherà di tutte le parole che non sono riuscito a scrivere. Punirà la mia indifferenza. I miei rumorosi silenzi. E non avrò nemmeno il coraggio di domandargli dove sono finiti i miei anni migliori. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: