Questa fame

Stanotte cammino con le tasche piene di pazienza. Non cerco riparo. Non cerco nessuno. Voglio solo allontanarmi, ma forse non ho abbastanza gambe per andarmene. Non ho occhi per trovare la strada giusta da prendere. Sempre che ne esista una. E non ho nemmeno orecchie per ascoltare quel tappeto di ghiaia che di solito si diverte a sussurrare i miei passi. Giro a caso. Cerco la mia ombra. Sotto le scarpe. Nei vicoli più belli di Roma. Lungo il corso di un fiume. La trovo e poi la perdo. La ritrovo e infine la scordo da qualche parte sotto le stelle.
Adoro la mimica degli specchi d’acqua. Sono stregato dalle fontane di questa città. Quando le guardo il mio riflesso è trasparente. Ma se lo sfioro scompare.
Luci. Emozioni. Le annuso. Le osservo. Poi mi fermo soltanto un paio di respiri oltre un castello. Rifletto in silenzio. Mastico a lungo le stesse parole. In fondo non mi nutro che di pensieri. E lo faccio senza nemmeno ingrassare. Ma non credo che riuscirò mai a smettere di avere questa fame.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: