Alla faccia della teoria del caos

Adoro le persone che sanno ascoltare. Quelle che sembra sempre stiano tramontando, ma che passano da un momento all’altro a esplodere in un acuto di pensieri, prima di ottenebrarsi del tutto.

Con me non è mai avvenuto. Parlo troppo. Mi parlo addosso. Ma non escludo che prima o poi possa anche accadere. Di illuminarmi, intendo.

Stasera intanto non sarebbe male continuare a sorridere senza essere visto. Diventare invisibile è un mio vecchio sogno da adolescente. Una passione che non si è mai del tutto sopita, anche oggi che sono un adulto consolidato.

Ci si affeziona alla invisibilità. Ci si affeziona ai pensieri che avevi da bambino. E ci si affeziona a certe parole. Solo che bisogna avere coraggio quando si lascia scivolare la lingua lungo le intenzioni che si stanno per pronunciare.

Stasera non so cosa ho bevuto o dove sarò tra cinque minuti. Ma so che tutto quello che sarò in grado di dire non mi avrà cambiato domani. Tutto resterà uguale. Noi. Gli altri. E l’universo intorno a noi. Alla faccia della teoria del caos.

2 Risposte to “Alla faccia della teoria del caos”

  1. poetella Says:

    Oggi niente refusi.
    Promosso.😘

    Piace a 1 persona

  2. unallegropessimista Says:

    con lode

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: